Connect with us

News

Entella, patron Gozzi si fa sentire: “Scorso campionato falsato da doping amministrativo!”

Una lettera agli abbonati di suo pugno per avvicinarsi alla tifoseria chiavarese e chiedere di rispondere presente ai botteghini. Antonio Gozzi, patron della Virtus Entella che domenica ospiterà la Salernitana in Coppa Italia, torna sulla retrocessione e sul caos che regna ancora oggi, con l’incertezza sul numero e sul nome delle squadre che comporranno il torneo di Serie B. Senza tralasciare un mea culpa.

Gozzi, fino all’anno scorso anche consigliere di Lega in cadetteria, ha espresso così il suo stato d’animo a due giorni dal match contro i granata. “Agli abbonati voglio dire grazie per il sostegno e l’appoggio che hai dimostrato all’Entella nella scorsa stagione, nonostante si sia rivelata deludente sotto molti punti di vista. Dopo dieci anni di grandi soddisfazioni, sacrifici e forti emozioni ci siamo ritrovati a vivere un dispiacere sportivo che brucia ancora sulla pelle. Scelte sbagliate ed errori pagati a caro prezzo ci hanno condannati sul campo, e non sono qui a sottrarmi alle responsabilità che ci competono – le parole del massimo dirigente ligure – Tuttavia è innegabile che la nostra retrocessione, che al momento pare inevitabile, sia stata anche condizionata da comportamenti illeciti e sleali da parte di altre squadre. Tutto il campionato è stato palesemente falsato da un doping amministrativo che ha poi portato al fallimento di alcune di queste società, che giocavano con soldi che non avevano, o che non avrebbero dovuto avere. Eppure ad oggi non è arrivata dalla giustizia sportiva alcuna sentenza afflittiva ed esemplare nei confronti di questi comportamenti. Sarebbe stato il segnale di una volontà del mondo del calcio di cambiare l’inquinamento che lo sta avvelenando. Ma non è stato così, almeno finora. Senza rispetto della legalità, il nostro mondo è destinato a morire. Non mi stancherò mai di evidenziarlo in ogni circostanza. Noi non ci stiamo a questo gioco: sarà una battaglia dura, ma non ci fermeremo davanti alle sentenze politiche e ai giochi di potere. Vogliamo una giustizia con regole chiare, che non cambino a seconda degli interessi di parte, chiediamo che il merito sportivo non venga inficiato da strane alleanze e complotti. Raddoppieremo gli sforzi per riportare la nostra Entella molto in alto. Il nostro modo di intendere il calcio non cambierà e siamo orgogliosi che la nostra attenzione al settore giovanile e al sociale abbia convinto un brand prestigioso come adidas a credere in noi, volendo fortemente una partnership che ci ha regalato le nuove bellissime maglie. Sapere di avere i tifosi al nostro fianco anche nella prossima stagione ci renderà più forti, perché nelle difficoltà è importante non sentirsi soli”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement

Leggi anche

Advertisement

Altre news in News

Segnala questo articolo via Email