Connect with us

News

Abbonati da tutelare: situazione in divenire, c’è l’idea voucher per il rimborso

In un momento di emergenza che sta interessando l’Italia intera il primo pensiero va alla salute, ma vanno anche considerati i risvolti economici della situazione. Il calcio italiano naviga a vista per quanto riguarda la ripresa, ma intanto si prova a mettere le prima pezze. Una delle preoccupazioni dei club è la salvaguardia dei propri tifosi, in particolare quelli fidelizzati. Un problema che ovviamente riguarda anche la Salernitana.

Come riporta l’edizione odierna de Il Mattino, sono 2647 gli abbonati del cavalluccio che andranno ristorati e il club granata medita soluzioni. Spunta l’idea, lanciata proprio dal co patron Claudio Lotito in ambito Serie A, di particolari voucher da spendere per successive partite (o abbonamenti), ma anche acquisti nei negozi dei club. La massima Lega potrebbe propendere per questa soluzione, mentre la B non ha ancora affrontato l’argomento, ma potrebbe anche decidere di dare indicazioni comuni ai club associati alla ripartenza. Ci sarà da fare i conti, in ogni caso, con l’Antitrust che chiede un rimborso economico proporzionato al numero di gare che i tifosi sarebbero costretti a perdere. Sulla ripresa dei tornei non c’è certezza e se i tifosi della Salernitana dovessero tornare sugli spalti a Via Allende soltanto nel prossima stagione gli abbonati perderebbero cinque partite di quella attualmente in corso. In realtà ne mancherebbero sei tra le mura amiche ma, da contratto, il diritto acquisito è ad assistere a diciassette gare su diciannove per effetto delle due Giornate Granata, una per il girone d’andata e l’altra per il ritorno, che inizialmente la società aveva pensato di eliminare, per il match a porte chiuse col Pisa della 29^, come svelato dal ds Fabiani tempo fa. Nel contratto di fidelizzazione sottoscritto dai supporter è riportato che, in caso di disputa di partite a porte chiuse, “l’abbonato avrà diritto ad un tagliando per un’altra gara casalinga, non ricompresa nell’abbonamento, individuata a discrezione della società. È in ogni caso escluso il diritto al risarcimento danni, salvo il caso di inadempimento colpevole della Salernitana”. C’è però anche il rovescio della medaglia. La società si riserva il diritto di “ritirare e/o di bloccare l’abbonamento in caso di provvedimento restrittivo di qualsiasi Autorità che comporti, in qualsiasi modo, il divieto di partecipare a riunioni aperte al pubblico”, L’emergenza Coronavirus potrebbe rientrare proprio in questa circostanza. Certemente andranno fatte le giuste valutazioni, volte a trovare la miglior soluzione in grado di accontentare i tifosi, patrimonio importantissimo per le società.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News