Connect with us

News

Ai nastri di partenza con le armi di sempre: buon campionato, ‘castorizzati’!

Pronti, partenza… via! Si parte. L’obiettivo? Senza dubbio lo scudetto. Una provocazione, ovviamente, ma riuscire a mettersi tre squadre alle spalle per la Salernitana avrebbe la stessa valenza del conquistare il più prestigioso trofeo nazionale. Sarebbe peraltro un traguardo storico. Il traguardo per eccellenza: per la prima volta nella sua ultracentenaria storia la Salernitana parteciperebbe per due stagioni consecutive al massimo campionato italiano.

Al bando retoriche e paragoni col passato, ancor più perché non propriamente recente. Dell’ultima esperienza nel gotha calcistico del Belpaese si spera che Salerno abbia tratto i necessari insegnamenti. È trascorsa una vita calcistica, è cambiato il mondo nel frattempo. L’errore più grande sarebbe (ri)approcciare al calcio dei grandi con la fame di vendetta per l’immensa ingiustizia subita, probabilmente la più grande nell’epoca calcistica moderna. Anzi. Salerno stavolta deve e può farsi trovare preparata, tanto come ambiente quanto come tifoseria. La vetrina è prestigiosa, l occasione ghiotta per mostrare il lato migliore di una città e di una provincia che sgomitano per assumere una dimensione nazionale e, perché no, internazionale.

Parlerà il campo, come sempre. Sarà una corsa ad ostacoli talvolta insormontabili. Bisognerà essere lucidi a giocarsi quel campionato nel campionato (leggasi scontri diretti) che risulterà decisivo ai fini della salvezza. Castori in tal senso può risultare l’arma in più col suo pragmatismo, con la sua sagacia. Chi si aspetta una Salernitana col tridente al cospetto della Juve – tanto per fare paragoni col passato – è fuori strada e anche di parecchio. E probabilmente è giusto così. Andarsi a giocare alla pari confronti in partenza impari potrebbe essere soltanto un harakiri. Castori ne è perfettamente consapevole e si ritroverà ai nastri di partenza con le armi di sempre: grinta, cattiveria agonistica e determinazione. Impossibile prevedere se da sole basteranno per agguantare la salvezza. Occorrerà puntellare in ogni reparto una squadra attualmente ancora incompleta e soprattutto dare stabilità societaria varando il nuovo corso effettivo post-Lotito/Mezzaroma. La Serie A è un Frecciarossa che viaggia a 300 all’ora con poche fermate. Occorrerà essere bravi quantomeno a godersi appieno il viaggio. E allora buon campionato, Salernitana…

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News