Connect with us

News

Anche a Birmingham l’eco del tifo: 2 storici tifosi granata al Villa Park

La Salernitana vola a Birmingham e insieme a lei i suoi tifosi che non la lasceranno “mai sola”. Così è stato anche questa volta: tantissimi hanno deciso di acquistare il match amichevole contro l’Aston Villa per guardarlo in tv, ma c’è chi – residente a Londra – ha “macinato km” per mostrare sostegno e amore agli uomini di mister Castori. E così una domenica d’estate si è trasformata in una (straordinaria) domenica dai ricordi del passato. Passato in cui i tifosi della Bersagliera sono stati sempre presenti, viaggiando incondizionatamente verso mete nuove e vecchie, soltanto per la passione che li contraddistingue. E di quel passato Franco è stato protagonista indiscusso nel mondo della tifoseria organizzata, così oggi rivive insieme a Massimo (sono entrambi chef da 20 anni e lavorano proprio a Londra) attimi colorati di granata con una Salernitana che dal volto cambiato si ritrova a guardare la serie A dall’interno. Contro l’Aston Villa è stata una breve ma intensa prova, tra un po’ si farà sul serio. E i supporter dell’ippocampo sono (già) pronti. Un piccolo saluto prima del match tra i due tifosi (che da Londra hanno viaggiato spostandosi fino a Birmingham per stare vicino alla squadra) e mister Fabrizio Castori con Sasà Avallone, il tempo di farsi (ri)conoscere e mostrare la bandiera granata e poi assistere al match come tutti gli altri… da un dispositivo elettronico per rispettare le disposizioni anti Covid. Se le porte – però – rimangono chiuse, il cuore granata rimane aperto a tutto e non smette di battere, neanche fuori dai confini di Salerno…

 Chi sono Franco e Massimiliano che oggi – come vediamo dalle foto – erano a Birmingham? Cosa fate a Londra?

Siamo degli chef e lavoriamo a Londra da 20 anni. Per noi tifosi residenti all’estero è sempre stato un sogno vedere i granata giocare a questi livelli. Purtroppo è capitato in un periodo in cui le porte rimangono chiuse, ma l’amore per questi colori non ha limiti e siamo certi che questo è solo l’inizio.”

Perché avete scelto – nonostante il Covid e nonostante il divieto di accesso allo stadio – di viaggiare (seppur per pochi km) anche solo per mostrare il vostro supporto per pochi attimi? È stato facile o difficile visti i tempi?

“Per la Salernitana non esistono restrizioni.Non potevamo mancare a rappresentare Salerno come abbiamo sempre fatto. Per noi It’s a Life style

Vi è stato dato modo di incontrare qualche calciatore? Siete riusciti a beccare qualcuno all’entrata o all’uscita del Villa Park?

“Abbiamo salutato e incontrato il mister e il team manager Sasà Avallone che hanno lasciato lì avvicinassimo, orgogliosamente…”

Quali sono state le vostre emozioni? Siete gli unici presenti, come ci si sente a portare l’abbraccio di tutti i tifosi granata ai calciatori e allo staff oltre i confini?

”Possiamo dire sinteticamente e semplicemente  che la Salernitana è la nostra emozione…”

Cosa vi aspettate – infine – da questa squadra in questo anno di serie A?

Ci aspetta un’annata difficile ma allo stesso tempo emozionante. Noi però vogliamo commemorare ora e sempre i nostri cari e tutti gli angeli della Curva Sud (adesso del cielo) Enzo, Peppe, Ciro, Simone, Matteo Leone e in ultimo ma non ultimo, il grande Siberiano…”

 

1 Commento

1 Commento

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News