Connect with us

News

Arechi, lavori di corsa. Sopralluogo commissione vigilanza: spuntano 2 celle nella Nord

La prevendita non decolla, mentre gli operai… corrono. Da giorni illuminato anche di notte per fare luce sui lavori che proseguono senza soluzione di continuità, l’Arechi è in questi mesi al centro di attenzioni particolari da parte dell’amministrazione comunale e della stessa Salernitana. Una vera e propria corsa per consegnare un impianto completo quanto prima.

Operai anche a ferragosto

Fino a domani si lavorerà in via Allende, per poi interrompere nel giorno del match di Coppa Italia con la Reggina e riprendere all’indomani con un’altra dozzina di giorni a disposizione per arrivare a Salernitana-Roma, prima casalinga di campionato, a buon punto. Magari, anche col nuovo tunnel di ingresso dei calciatori scavato centralmente tra le due panchine. Manca ancora l’installazione della Goal Line Technology. Oggi sarà completato il cablaggio per supportare le riprese televisive e domani sarà la volta delle telecamere mobili. In via di completamento i nuovi bagni in tribuna superiore e tribuna stampa.

Il sopralluogo

Come riporta l’odierna edizione del quotidiano Il Mattino, ieri c’è stato il sopralluogo della Commissione Provinciale di Vigilanza. Tre ore di ispezione e domande, con la presenza dei rappresentanti della Questura e del Comune di Salerno, proprietario dell’impianto, ma anche dei Vigili del Fuoco, dell’Ordine degli Ingegneri, del Genio Civile e dell’Asl. Sono stati verificati i requisiti di sicurezza, il funzionamento dell’impianto di videosorveglianza recentemente potenziato e il planning dei lavori da completare per poi omologare lo stadio con una capienza superiore ai 26500 posti attualmente su carta. Su tutti, l’installazione dei sei tornelli ulteriori, già ordinati. Per la gara di lunedì saranno invece solo 8500 i posti complessivi a sedere, data la chiusura dei distinti e il dimezzamento – come da indicazione del governo – della capienza degli altri settori per consentire la seduta a scacchiera e il distanziamento.

Stadio all’inglese e tolleranza zero

Tra le novità c’è anche la realizzazione di due celle nei corridoi sottostanti la curva nord. Proprio come gli stadi inglesi. Ci si augura, naturalmente, di non doverle mai aprire per ospitare chi dovesse “sbagliare” all’interno dell’impianto, commettendo atti di violenza o contrari al regolamento d’uso. All’esterno dell’area curva nord sarà dato seguito al progetto già approvato l’anno scorso di chiusure dei perimetri con barriere fisse mediante i jersey Betafence: ciò permetterà, nelle partite a rischio, di evitare l’installazione dei containers per delimitare il settore e non consentire contatti. Sarà necessaria la semplice chiusura di cancelli (presidiati dalle forze dell’ordine) che nei giorni normali saranno aperti per consentire la regolare viabilità.

Resta la ‘gabbia’

A proposito di settore ospiti: per ora la capienza resta di 2mila posti, ma potrebbe essere presto rivista al rialzo, se quella dell’intero stadio tornasse a 37180. Resterà la “gabbia” con reti di protezione anche superiori, come da indicazione della Questura. Rimosse, invece, le reti dietro la porta della Curva Sud. Saranno tolti anche i pali di supporto: migliorerà la visibilità e anche l’occhio – che vuole sempre la sua parte – sarà diverso, anche dalle riprese tv. Nello stesso tempo, si tratta di una prova di maturità assolutamente da non fallire per i tifosi granata, che torneranno alla ribalta nazionale del massimo campionato dopo 23 anni.

Led pronti entro 45 giorni

Infine, l’ultimatum sulle luci artificiali: al momento l’Arechi va avanti con la “toppa” dei fari mobili aggiuntivi, ma tale soluzione temporanea sarà consentita solo fino al 30 settembre. Entro quella data, dovranno essere completati i lavori di potenziamento dell’impianto fino al minimo di 1650 lux richiesti mediante illuminotecnica a led.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News