Connect with us

News

Auguri, Patryk: non smettere di sognare! Per Dziczek riposo in Polonia e le 23 candeline

Patryk Dziczek compie 23 anni e raccoglie tutto l’affetto del mondo granata e non. Il centrocampista è tornato da qualche giorno nella sua Polonia, ovviamente col permesso della società, dove sta osservando il periodo di cure e riposo assoluto che gli è stato prescritto dopo il malore di Ascoli del 20 febbraio: uno spavento grande, il secondo in pochi mesi, ha ha richiesto necessariamente uno stop per capire più approfonditamente le cause.

Un compleanno in cui mettere da parte la fisiologica tristezza per il centrocampista, che deve lasciarsi trascinare dalla vicinanza dei compagni. Sull’odierna edizione del quotidiano Il Mattino si legge di una videochiamata di gruppo sull’asse Salerno-Gliwice che partirà prima dell’allenamento di oggi alle 15. In mattinata anche il profilo Instagram dell’Assocalciatori ha fatto gli auguri al giocatore. “C’è un futuro vicino e un altro lontano. Quello vicino fa già parte della sua quotidianità: le cure, la consapevolezza di poter guarire ma anche la necessità di individuare le cause e le modalità che dovranno poi portarlo a riottenere l’idoneità sportiva. Riposo, cure e riposo. Al momento deve star fermo tre mesi da quando si è verificato l’episodio ad Ascoli. Patryk deve badare alla propria salute, che è prioritaria su tutto, l’aspetto più importante, più della carriera, delle partite che mancano”, ha detto il suo agente, Bartlomiej Bolek.

Il ragazzo cresciuto nel settore giovanile del Piast Gliwice (foto accanto), la sua città, tornerà certo in Italia per sostenere i suoi compagni di squadra nel finale di stagione che si spera possa regalare gioie. Per ora, per usare le parole dell’agente al Mattino, “il pallone può attendere. Patryk all’ombra dei propri affetti ha trovato serenità e riparo, sta godendo del tempo di non gioco, recuperando gli affetti più cari. Ha una splendida famiglia, la compagna è sempre al suo fianco, ama il suo meraviglioso cane”. Salerno, la Salernitana e i suoi tifosi aspettano Dziczek. Bolek tende la mano ai supporters: “Ringraziamo il popolo granata, quello striscione allo stadio (clicca qui per leggere l’articolo) è stato un gesto semplice e speciale nello stesso tempo, di grande affetto e solidarietà nei confronti di un ragazzo che sta vivendo un momento delicato. Il messaggio dei tifosi gli ha dato coraggio e il ritorno in campo, che ci auguriamo possa avvenire a breve, sarà dedicato a tutti i salernitani”.

Con la Salernitana il calciatore polacco ha disputato 36 partite in totale, mettendo a segno un gol. Il suo cartellino è di proprietà della Lazio, che ha investito 2 milioni per prelevarlo dai campioni di Polonia del Piast Gliwice nel 2019 e prestarlo in Campania. Lo stop arriva in un momento che avrebbe potuto significare tanto per Dziczek, ex capitano dell’U21 polacca e in rampa di lancio per conquistarsi un posto nella rappresentativa maggiore. Oggi, però, c’è da pensare solo alla salute e alla festa di compleanno, nella speranza che gli obiettivi – compresa la voglia di giocare in Serie A – siano soltanto rimandati. Auguri, Patryk!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Patryk Dziczek (@patrykdziczek)

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News