Connect with us

News

Caramanno: “Ora pensiamo alla Serie A. Convenzione stadio? Parleremo con gli interessati…”

“Prima tifoso e poi assessore”, ama definirsi così Angelo Caramanno. L’assessore allo sport del Comune di Salerno, intercettato dalla nostra redazione, commenta l’era trust per la Salernitana, iniziata nella tarda serata di ieri: “La questione societaria, almeno al momento è risolta, con una ampia apertura verso la cessione. I tempi erano molto ristretti da non poter generare soluzioni differenti, a meno di offerte serie e congrue che mi pare non siano arrivate. Per una cessione seria ci vuole un acquirente serio, non conosco la natura delle offerte pervenute, ma un procedimento di questo tipo ha bisogno di un suo tempo. L’amministratore ha un mandato irrevocabile alla vendita e si va ovviamente in quella direzione. È una situazione di passaggio per consolidare una società forte che ci farà disputare una Serie A importante. Sono sempre stato fiducioso sulla questione, come avevo fiducia nella squadra nel corso del torneo. Ho buone sensazioni sull’esito di questa vicenda, serve solo un po’ di pazienza”.

Ora l’amministrazione comunale dovrà avviare i dialoghi con la Salernitana, in particolare per la questione convenzione d’uso dello stadio Arechi, in scadenza tra quattro giorni: “Siamo pronti per la Serie A, lo stadio è pronto, bisogna solo partire. La massima serie è stata conquistata sul campo e la difenderemo sul campo, in particolare all’Arechi. Con calma ci occuperemo anche della convenzione – rassicura Caramanno – La convenzione c’è e vedremo che regime assegnare a quella in essere. Il Comune è consapevole che la Serie A merita massima attenzione e noi abbiamo sempre lavorato al fianco della Salernitana e per il suo bene e continueremo a farlo. Siamo stati in contatto con la società nelle scorse settimane, stanotte si è risolta una vicenda che definerei epocale. Da lunedì riprenderemo i contatti con gli interlocutori incaricati, parleremo con il nuovo amministratore o col direttore Fabiani. La situazione stadio sta procedendo tranquillamente, l’amministrazione comunale sta facendo la sua parte, l’Arechi ha raggiunto i criteri infrastrutturali richiesti e questo va sottolineato. Lo stadio sarà il nostro fortino per conquistare la salvezza. Stringiamoci attorno alla squadra, i ragazzi avranno bisogno di sentire il calore della gente, mai come quest’anno. La Serie A è un patrimonio importantissimo che andrà difeso e speriamo verrà fatta una squadra all’altezza. Io sono prima tifoso della Salernitana e poi Assessore e sono orgoglioso di questa massima serie. Ora vediamo che succede, basta pensare alle tempistiche impiegate, the show must go on. Facciamo un po’ i tifosi, pensiamo agli acquisti che servono, al difensore, al centrocampista e all’attaccante. È giusto confermare, come credo farà il nuovo amministratore, buona parte dei calciatori, l’allenatore e i dirigenti che si sono guadagnati il salto di categoria. Meritano tutti di giocarsi la Serie A sul campo”. L’assessore conclude anche con un commento sull’uscita di scena, dopo dieci anni, di Claudio Lotito e Marco Mezzaroma: “La società uscente ha fatto ciò che poteva, ci ha portato in Serie A e ci ha messo nelle condizioni di disputarla. Ieri si è chiusa un’epoca che, al netto delle chiacchiere, ci ha portato in Serie A. Sono stati fatti errori, ma solo chi non fa non sbaglia, alla fine però contano i risultati e se vedrò la Salernitana giocare in massima serie vuol dire che il risultato è stato conseguito”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News