Connect with us

Calciomercato

Caso Gondo, da due settimane si continua ad attendere il visto

Cedric Gondo aspetta ancora l’ok della Federcalcio per tornare ad essere un calciatore della Salernitana. Sarà l’attaccante ivoriano il ventunesimo ed ultimo over della rosa granata, a meno di fumate nere provenienti da Roma: come è noto, il giocatore si era svincolato dalla Lazio due giorni prima della chiusura della campagna trasferimenti, per poi firmare un accordo con il club campano. La Lega Serie A, però, vistasi arrivare la richiesta di deposito del contratto da parte dell’ippocampo, ha interpellato la Figc per vederci chiaro sull’operazione, stante il divieto di rapporti con la Lazio imposto all’atto dell’accettazione del trust. Ma sono passati quindici giorni.

La Procura Federale

La palla è passata da tempo alla Procura Federale, che sta concludendo le sue indagini e formulerà a stretto giro un parere sulla contrattualizzabilità di Gondo da parte della Salernitana. Nei giorni scorsi l’ex giocatore di Rieti e Ternana sarebbe stato ascoltato dagli 007 federali. Lui e il suo entourage (di riflesso anche il cavalluccio) invocano il diritto al lavoro del calciatore, l’anno scorso in campo proprio con la Castori band e mai preso in considerazione dalla Lazio. Dagli uffici granata si continua ad attendere con ottimismo il visto di esecutività per poter quanto prima annoverare Gondo – che è già in città – nell’elenco dei disponibili per le partite ufficiali. Certamente non sarà il ritorno del calciatore (26 partite ufficiali e 5 gol l’anno scorso) a cambiare radicalmente gli assetti di una Salernitana bisognosa di qualità. Il classe 1996, tuttavia, potrebbe dare ulteriori soluzioni per un reparto offensivo che, al netto della fragilità difensiva e degli altri aspetti che non hanno convinto in questo avvio di stagione, si è rivelato piuttosto sterile e con poco movimento senza palla.

Le alternative

Solo e soltanto in caso di niet da parte della Federcalcio al tesseramento di Gondo, la Salernitana si tufferebbe su altre soluzioni, magari in reparti diversi. A centrocampo ci sarebbe necessità di innesti soprattutto dopo l’infortunio di Capezzi. L’ex beneventano 31enne Nicolas Viola continua incessantemente a proporsi, anche abbassando le sue pretese economiche, dopo aver ricevuto più volte un rifiuto fin dall’estate. Del resto, oltre ad essere soggetto a problemi fisici e a prescindere dalle qualità tecniche, anche lui non gioca una partita dal finale della scorsa stagione e non sarebbe certamente pronto uso. Il giovane Mattia Viviani ha invece accettato la corte del Benevento, stanco di aspettare una chiamata dalla Serie A che la Salernitana aveva solo prospettato. Prima dell’arrivo di Ribéry, inoltre, alla Salernitana era stato proposto il centrocampista inglese Wilshere, che si sta allenando con il Como ma è svincolato dopo un passato illustre all’Arsenal. Insieme a lui, probabilmente anche altri nomi dal mercato estero.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Calciomercato