Connect with us

News

Castori ci crede: “Non molliamo mai, giochiamoci la A! La sosta non ci gioverebbe”

La vittoria dei castorizzati. La Salernitana stende il Venezia in rimonta e resta in scia per la promozione diretta. Fabrizio Castori non nasconde, ovviamente, la sua soddisfazione nella conferenza post-gara.

“Abbiamo trasformato una potenziale beffa in grandissima soddisfazione, questo certifica la determinazione e la voglia dei ragazzi. Il Venezia era partito forte, non riuscivamo a prendere i tempi giusti di aggressione e abbiamo un po’ sofferto, ma appartiene alla logica naturale delle cose. Nella ripresa è stato un assedio, è stata una partita incredibile. Anzi… sarebbe stato incredibile perdere: la porta sembrava stregata, a tempo scaduto l’abbiamo rimessa in sesto. È stata una vittoria fatta di sacrificio, sofferenza e carattere. Questa squadra non si arrende mai, lotta fino alla fine e il risultato ci ha premiato. – ha detto il trainer – Fa piacere che abbiamo riportato entusiasmo, senso di appartenenza e calore in città: la squadra è di tutti, difendere il nome di Salerno per noi è motivo di orgoglio. Vogliamo regalarci una cosa straordinaria, siamo lì, siamo a un punto dalla promozione diretta, vogliamo giocarci questa grandissima opportunità che sarebbe bellissima per noi per la città, per la società, per tutti. Ci giochiamo queste 4 partite, poi vedremo. Dopo la vittoria di oggi siamo a un buon punto, credo che i playoff siano garantiti. Noi vogliamo crederci finché c’è speranza nella serie A diretta”.

Sembrava una partita stregata. “Quando Djuric ha preso il palo e il pallone che è uscito in carambola… sembrava un incantesimo, ma dico sempre ai ragazzi di crederci: non abbiamo abbassato il livello di convinzione e non siamo caduti nell’atteggiamento lamentoso. Non si sa mai quale possa essere la palla buona, l’importante è andare su tutti i palloni con la convinzione di buttarla dentro. – ancora Castori – Speriamo sia la vittoria più importante delle altre. Quello che conta è che i ragazzi ci credono fino all’ultimo. Se è un segnale benaugurante io lo spero, venga quel che venga. È stata una delle tante partite che abbiamo saputo raddrizzare, il marchio di fabbrica della squadra è questa, la squadra ha nel suo DNA la voglia di tirare fuori il massimo. Il cambio modulo? La Salernitana è una e basta, a volte gioca in un modo, a volte in un altro, ma conta portare a casa il risultato. La squadra è stata elastica, ha saputo finora interpretare le partite in modi diversi e questa è una risorsa. Io tiro dritto per la mia strada, devo mettere i ragazzi nelle condizioni migliori per affrontare la partita, poi devo rendere conto alla società dei risultati.”.

Ora sotto col Monza, poi il Pordenone e (forse) l’inaspettata sosta. Castori la prende… male: “Se c’è da fermarci lo facciamo ma stiamo attraversando un ottimo momento e la sosta ci penalizza. Spero non venga fermato il campionato, se dovesse essere così faremo di tutto per mantenere la giusta condizione. Avevamo fatto un programma per finire il 7 maggio, abbiamo dimostrato ancora di stare benissimo. Se ci fosse la sosta cercheremo di adattarci ma non sono convinto che sia una cosa positiva per noi”.

 

 

 

 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News