Connect with us

News

Cerci ci riprova, Ventura lo sprona: l’ex Toro cerca la rinascita nel girone di ritorno

“Tra due settimane o avremo Cerci, oppure non ce l’avremo”. Stanno per scadere, mister Ventura accelera e motiva il 32enne attaccante che – con queste parole – prima della sfida interna contro il Cosenza spronava a tornare presto in forma. Quello che a inizio dicembre, insomma, sembrava riprendere a saltare l’uomo alla sua maniera in allenamento, nelle partitine organizzate appositamente per lui, prima di farsi nuovamente male. E delle polemiche tra Instagram e le minacce delle vie legali.

Alessio Cerci prova a sfruttare l’onda lunga dell’entusiasmo per una Salernitana che ha iniziato il 2020 nel migliroe dei modi, dal punto di vista dei risultati. Ieri ha disputato oltre metà amichevole contro la Gelbison, team di Serie D, mettendo a segno un calcio di rigore. Poca roba, si dirà, per uno col suo curriculum, ma che vale tanto in vista di un rush finale del girone di ritorno in cui servirà certamente avere esperienza e qualità dell’ex Atletico Madrid, finora in campo per soli 54′ diluiti in 4 presenze. L’ultima, nel finale di Salernitana-Perugia a novembre. A Benevento si è rivisto in panchina (“Ha concluso una settimana d’allenamento e quindi è disponibile ma non credo che sia in grado di fare novanta minuti. È positivo il fatto di aver vissuto una settimana con spirito positivo, gli do la certezza di attenderlo”, commentava Ventura appena prima di indire il silenzio stampa) e contro il Trapani farà altrettanto. Chissà se la partita si metterà in modo tale da consentirgli anche una ventina di minuti.

A differenza dell’amico e compagno Heurtaux, al momento Cerci non ha ancora scelto di effettuare qualche partita con la Primavera per ritrovare un pizzico di smalto. L’amichevole contro la Gelbison non dovrebbe essere comunque l’unico step di partitine organizzate per lui e per gli altri elementi che hanno fin qui giocato meno degli altri. Il campionato è ancora lungo, il momento di Cerci – anche se tardi – può ancora venire: “Era fermo da due anni, dimenticato da Dio. Mi serviva un giocatore di qualità ed esperto, Alessio era svincolato ed è venuto con uno stipendio di categoria. Se non ha più infortuni e disavventure, senza ansie, può ancora farci vincere. Magari le ultime 5 partite”, le frasi di Ventura pubblicate ieri dalla Gazzetta dello Sport. Non segna in Italia da quasi due anni, sta lavorando alacremente. Messe da parte le polemiche e gli attriti con la proprietà, non resta che dargli una nuova chance per ritornare calciatore vero, importante. Magari pure decisivo.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News