Connect with us

News

Colantuono: “Primo rigore non c’era. Nell’intervallo c’era gente che vomitava”

Alla vigilia Walter Sabatini lo aveva blindato, giustificato e rassicurato. Le assenze, gli infortuni, l’accanirsi della sorte e del Covid. Gli alibi non mancano, ma non fanno classifica. I punti scarseggiano, dopo la sosta la Salernitana si gioca praticamente tutto in otto giorni contro Spezia e Genoa. Lo farà con Stefano Colantuono al timone? “Possiamo ripartire dal primo tempo, abbiamo fatto la gara che ci aspettavamo e che tutte le squadre che vengono qui fanno. Il Napoli palleggia e ti chiude, devi avere pazienza, aspettare e ripartire. C’eravamo riusciti con sacrificio, eravamo all’osso e ridotti male. Ringrazio i giocatori che hanno dimostrato di essere stoici. Alla fine del primo tempo c’era gente che vomitava nello spogliatoio, tutti avevano avuto il Covid e non avevano fatto allenamento. Come se non bastasse è arrivato l’infortunio a Schiavone. Eravamo stati bravi a mascherare queste problematiche nel primo tempo. Ora ripartiamo, è inutile stare a piangere. Sto leggendo la tesi di Rita Guarino a Coverciano intitolata ‘l’antifragilità del calcio, allenarsi agli imprevisti’. Stiamo facendo questo da mesi, invito a leggerla”, le parole del tecnico granata a Dazn.

Colantuono poi precisa: “Non ho mai detto che non avevamo chance oggi, tenevo a chiarire questa cosa. C’erano giocatori guariti dal Covid, ma non abbiamo potuto convocarli perché non abbiamo potuto fare la visita medica d’idoneità. Non è nella mia indole scendere in campo senza volermela giocare. Ho vissuto situazioni complicate, figurarsi se mi spavento di venire a giocare a Napoli con tutte le difficoltà del caso. Non mi piacciono i regolamenti sul Covid, c’è ancora da limare qualcosa. Abbiamo giocato con grande difficoltà, mi lamentavo del fatto che i protocolli non sono chiari, se i signori della lega ci aiutassero a capire bene… Nello spogliatoio c’era chi vomitava e chi aveva spasmi. Ieri non ho potuto convocare due negativizzati, Djuric e Kastanos, perché non hanno fatto visita di idoneità. Fissiamo una data ed un’ora, se entro quell’ora quella lista non è completa che si gioca a fare? Vale per tutti, anche per il Venezia che era nelle nostre condizioni a Milano”.

Sugli episodi: “Li ho rivisti, il primo non c’è a detta di tutti, anche i tecnici l’hanno detto. Sul secondo nulla da eccepire. Il problema è che il primo fa ammonire Veseli e lo abbiamo perso sul secondo episodio. Parlare di questo è inutile. La sfida diventa complicata, ma in questo modo Davide a Golia non riesce mai a batterlo. Non voglio fare polemica. La partita l’abbiamo giocata, devo ringraziare squadra, finché nel primo tempo è riuscita a tenere in equilibrio la partita se l’è giocata. Il pareggio era strameritato nell’intervallo, eravamo stati ordinati nelle poche ripartenze. Se fossimo andati negli spogliatoi sull’1-1 era un’altra partita, magari il Napoli avrebbe vinto lo stesso ma poteva essere più combattuta. Sapevamo che il secondo tempo sarebbe stato complicato per ragioni di natura fisica, peccato aver preso secondo gol su palla inattiva”.

Chiosa finale sul mercato: “C’è una persona preposta, Walter queste cose le sa fare bene, ci pensa lui. Io devo solo allenare la squadra nel migliore dei modi. Non c’è stata partita dopo l’espulsione, abbiamo fatto la nostra figura nonostante i cerotti”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News