Connect with us

News

Collegio Arbitrale: slitta lodo sul caso Rosina. Lunedì secondo round con Cerci

Non è ancora astato emesso il lodo del Collegio Arbitrale della Lega Serie B sul caso Rosina-Salernitana. La sentenza era attesa ieri ma, come si legge sulle colonne del quotidiano Il Mattino, è slittata a causa delle precedenti astensioni di due arbitri scelti dal legale dell’ex calciatore, che per motivi di incompatibilità non hanno potuto portare a termine l’incarico. Per tale motivo, i tempi si sono dilatati per dare opportunità al nuovo arbitro di inserirsi nella faccenda e fare le proprie valutazioni.

La Salernitana aveva portato Rosina davanti al Collegio Arbitrale per chiedere che anche lui accettasse la decurtazione dei 40 giorni di stipendio firmata con tutti gli altri calciatori all’epoca della sospensione del campionato a causa del lockdown. L’ex Zenit era fuori rosa e non accettò. La Salernitana, in ogni caso, non gli ha pagato metà mese di marzo e l’intera mensilità di aprile, aprendo un contenzioso e chiedendo al collegio arbitrale di intervenire. Come è noto, esso è composto da due arbitri – uno per parte – e da un presidente. L’ultima riunione si era tenuta il 28 ottobre ma, come detto, i tempi si sono dilatati (originariamente, per avere il lodo, il massimo di attesa è sessanta giorni dalla presentazione dell’esposto) e così occorrerà ancora attendere per avere il responso. Nella faccenda ballano circa 40mila euro. Nel procedimento in questione, Alessandro Rosina è difeso dall’avvocato Vincenzina Calomino, mentre la Salernitana dall’avvocato Luciano Ruggiero Malagnini.

A proposito di Collegio Arbitrale, come rivela sempre Il Mattino, lunedì pomeriggio sarà la volta del caso Cerci, con il secondo round fissato in videoconferenza. L’attaccante attualmente militante nell’Arezzo (5 presenze nei toscani ultimi in C, ancora con sfortunati contrattempi stavolta legati al Covid) aveva chiesto il riconoscimento dell’accordo biennale inizialmente firmato a inizio agosto del 2019, poi però ridotto a gennaio scorso dalla Salernitana. Cerci intende dimostrare l’invalidità di quest’ultimo contratto e chiede un risarcimento vicino ai 2 milioni di euro, assistito dal legale Maria Daniela De Ruggiero, mentre la Salernitana risponde con Gianmichele Gentile. Lunedì pomeriggio il collegio arbitrale potrà già prendere una decisione, sulla base del materiale raccolto nella prima udienza e delle memorie presentate fino a ieri, oppure autorizzare le parti a presentare testimoni (già indicati), proseguendo la discussione in nuove udienze.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News