Connect with us

News

Consiglio Federale Figc, Gravina: “VAR in B per i playoff. Introdotta black list per soggetti inadempienti”

La Lega B ha vinto. Il VAR verrà utilizzato nell’appendice post-season del torneo cadetto. Gravina ha proposto di introdurla direttamente nelle semifinali e finali di play-off e nei play-out del torneo cadetto Serie B, con la previsione di sperimentarla in modalità off-line per tutto il girone di andata e riservarsi la definitiva introduzione a partire dal girone di ritorno della stagione 2019/2020.

Non solo, sono tanti gli argomenti toccati nel corso del consiglio Federale: una delle priorità della nuova governance della FIGC e del presidente Gravina è quella di salvaguardare la credibilità del sistema calcio attraverso norme più stringenti per le acquisizioni societarie

Ed è per questo motivo che nasce così una sorta di ‘Black list’, che impedisce di acquistare una società a quei soggetti che negli ultimi cinque anni abbiano ricoperto il ruolo di socio, amministratore o dirigente con poteri di rappresentanza in ambito federale in società destinatarie di provvedimenti di esclusione dal campionato o di revoca dell’affiliazione dalla FIGC.

“È un richiamo al senso di responsabilità di tutti gli imprenditori che vogliono entrare nel mondo del calcio”, ha spiegato Gravina, riferendosi in particolar modo a quei ‘liquidatori seriali’ di società che creano un danno diretto al territorio e un danno indiretto a tutto il calcio italiano. I requisiti di onorabilità e solidità finanziaria previsti devono essere soddisfatti anche dai soggetti che detengano il controllo delle persone giuridiche che intendano acquisire la partecipazione; dovranno garantire una capacità finanziaria ed economica tale da far fronte, in misura proporzionale alla partecipazione acquisita, alle attività di impresa derivanti dal fatturato medio degli ultimi tre esercizi, inoltre garantire per la Serie B e la Serie C, sempre in misura proporzionale alla partecipazione, una fideiussione bancaria a garanzia dei debiti sportivi scaduti per la stagione in corso.

Contestualmente sono state approvate anche le modifiche all’art. 52 delle NOIF sul titolo sportivo: in circostanze straordinarie, la FIGC può attribuirlo entro il termine del 10 giugno, ricevendo cinque giorni lavorativi prima le domande con le relative documentazioni. Sono stati modificati anche gli articoli 43 comma 5 e 66 comma 1 delle NOIF: dalla prossima stagione si dimezzerà (da 4 a 2) il numero delle gare che è possibile disertare prima di essere esclusi dal campionato e la mancata disputa della gara, a valore di rinuncia, scatterà anche in caso di assenza di un allenatore tesserato e abilitato dal Settore Tecnico, del medico sociale o di altro medico autorizzato.

Il direttore generale Marco Brunelli ha presentato al Consiglio il progetto per il rafforzamento dei poteri di controllo della Covisoc, che interessa alcune azioni: continuo aggiornamento del sistema normativo, omogeneità dei bilanci e delle informazioni economico finanziarie, rafforzamento delle procedure di controllo e poteri di verifica, formazione alle Società e monitoraggio.

Dopo aver ricordato i risultati positivi raggiunti nell’ultimo mese dalle nazionali giovanili, a cominciare dalla qualificazione dell’Under 19 e dell’Under 17 alla Fase finale dei rispettivi Campionati Europei, Gravina ha sottolineato come nell’ottica di un’implementazione del progetto Var sia ben avviata la realizzazione della ‘Room control’ unica a Coverciano, che dovrebbe partire già dalla prossima stagione. Il presidente federale si è complimentato con l’AIA per le iniziative annunciate riguardanti la creazione di una task force specializzata per il Var, integrandola con alcuni tra gli arbitri appena dismessi, e sulla proposta di accompagnare il fine carriera dei direttori di gara con iniziative di collaborazione che prevedano un riconoscimento economico per la durata di un biennio.

Gravina ha introdotto, infine, il tema della clausola del diritto di ‘recompra’, sul quale verrà fatto un ragionamento approfondito con la Serie A partendo dal presupposto che la normativa va comunque adeguata ai principi contabili internazionali.

Integrazione Manuale Licenze Nazionali

Il Consiglio ha inoltre integrato e modificato il CU 29/A del 18 dicembre 2018 nei titoli 1 e 3 sul calcio femminile e sull’esigibilità dei debiti nei confronti dei tesserati. In riferimento a questo punto, la pendenza di contenziosi non rileverà ai fini della esclusione degli emolumenti e di compensi, ivi compresi gli incentivi all’esodo, dal monte debiti fino a quando non intervenga, pronuncia, anche cautelare, che escluda l’esigibilità degli stessi.

Proposta playoff e playout campionato Serie C

Il nuovo regolamento, che sostituisce quello approvato in precedenza, tenuto conto dell’esclusione delle società Pro Piacenza e Matera, rimodula la formula dei play out per i gironi A e C e stabilisce che le retrocessioni al campionato di Serie D sono ridotte da 9 a 5.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News