Connect with us

Calciomercato

Coulibaly, ad ore attesa ufficialità: Gotti non lo convoca per Bologna-Udinese

Il centrocampista senegalese Mamadou Coulibaly sarà tesserato nelle prossime ore dalla Salernitana. Come già accennato nei giorni scorsi, l’accordo tra l’Udinese e il club granata per il prestito con diritto di riscatto è stato ormai trovato e manca soltanto l’ufficialità. Il sodalizio bianconero domani sarà impegnato a Bologna in campionato e il suo allenatore, Gotti, non ha convocato il giocatore dopo la rifinitura odierna: segno tangibile che ormai Coulibaly (foto in alto dal sito ufficiale dell’Udinese) è in viaggio verso Salerno, dove ritroverà Fabrizio Castori, che ha avuto come tecnico già a Carpi e poi l’anno scorso a Trapani. Potrebbe esordire con la maglia granata già ad Empoli il 17 gennaio, visto che per quella data non saranno disponibili gli squalificati Di Tacchio e Capezzi.

L’operazione si è virtualmente conclusa già prima di Natale (clicca qui per leggere l’articolo). L‘Udinese avrebbe deciso, alla fine, di non inserire anche il contro-riscatto nell’operazione. La cifra del riscatto sarebbe vicina ai due milioni di euro, più o meno tanto quanto i friulani avevano speso per prelevarlo dal Pescara quattro anni fa. Mezzala che unisce corsa, qualità e fisicità, Coulibaly sorprese tutti, giovanissimo, con la maglia degli abruzzesi in Serie A 2016/17, lanciato dal “solito” Zdenek Zeman. In Europa è arrivato su un barcone, tra i tanti migranti che dall’Africa cercano una vita migliore. “Ho fatto tanti sacrifici. Ero in Francia da mia zia, poi sono venuto a Livorno, dove stavo con amici. Siccome là non potevo fare niente, ho provato a venire a Pescara. Stavo dentro una casa-famiglia a Montepagano, dove mi hanno aiutato tanto: senza di loro non sarei mai arrivato qui perché non avevo i documenti, non avevo niente. In Italia ho dormito anche fuori tre giorni, al campo sportivo di Roseto. Poi i carabinieri mi hanno portato in una casa-famiglia, dove vivo ancora. Ho fatto anche provini con Sassuolo e Cesena, ma per loro ero scarso”, raccontò nei giorni in cui esordiva in massima serie.

Nel 2017/18 ha totalizzato 23 presenze in cadetteria sempre col Pescara, poi ha vestito le maglie di Carpi, Entella e Trapani, sempre spedito in prestito dall’Udinese. Con i bianconeri solo 3 presenze in Serie A dall’inizio della stagione per un totale di 183′ giocati. Ora, la chance di tornare alle dipendenze di Castori, che ne ha apprezzato le doti già in passato: con 33 presenze (e 4 gol all’attivo) è l’allenatore che più gli ha dato spazio in carriera. Alla Salernitana, si prepara ad incrementare questo dato.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Calciomercato