Connect with us

News

Da Spezia a Spezia, che incubo! In un girone 15 punti, peggio dei granata solo il Padova

In un girone può succedere l’impossibile. In 19 giornate di campionato tutto può essere capovolto: cambiano sensazioni, ambizioni, motivazioni. Ma per la Salernitana in un girone è cambiato il mondo. 19 turni di torneo fa i granata di Colantuono erano impegnati all’Arechi contro lo Spezia. Al triplice fischio le braccia al cielo, l’1-0 firmato Bocalon al quinto gol stagionale permetteva ai granata di issarsi in solitaria al terzo posto a quota 20. Due punti dalla promozione diretta, +4 sul nono posto, +9 sulla zona playout. Tutto perfetto. La Salernitana del dieci novembre si apprestava al lungo turno di riposo con convinzione ed entusiasmo, mancava il gioco ma i risultati arrivavano sempre. In quei 21 giorni che hanno separato la gara con lo Spezia da quella con il Cittadella, però, qualcosa si è rotto. Al ritorno in campo il primo campanello d’allarme con il pesante ko per 3-1 al Tombolato, poi le successive sconfitte con Brescia e Carpi e l’addio di Colantuono. Da qui l’inizio dell’incubo senza fine. È praticamente finito con quel gol di Bocalon allo Spezia un primo campionato della Salernitana perché da quella partita in poi i granata hanno imboccato il tunnel degli orrori senza mai trovare via d’uscita. Martedì scorso la Salernitana di Gregucci è tornata a giocare contro lo Spezia trovando l’ennesima sconfitta del campionato. In queste 18 partite, tra Spezia e Spezia, i numeri dei granata sono diventati disastrosi: solo 15 punti ottenuti frutto di 4 vittorie, 3 pareggi e addirittura 11 sconfitte. Una media punti imbarazzante di 0.83, meno di un punto a gara. Una media naturalmente da retrocessione.

E infatti il cammino della Salernitana nell’ultimo “girone” è da retrocessione. In queste 18 partite spalmate nelle ultime 19 giornate (per tutte un turno di riposo) peggio dei 15 punti dei granata ci sono solo i 13 del Padova. Tutte le altre hanno conquistato di più, a cominciare dal Brescia con 36. In questa speciale classifica il primo posto che garantisce la salvezza diretta è occupato dalla Cremonese a 20 punti, addirittura 5 in più della Salernitana: fosse iniziato a novembre, oggi il campionato del cavalluccio sarebbe compromesso. E invece i 20 punti ottenuti fino a novembre portano in dote speranze di salvezza.

È cambiato il mondo da quel Salernitana-Spezia 1-0. Un girone dopo i granata si ritrovano a essere la peggior squadra del campionato, con i playout a un passo e nessuna certezza su cui contare. Domani ci sarà la sosta, poi il prossimo fine settimana all’Arechi arriva il Cittadella. Nuovo turning point: vincere per ricominciare a respirare, oppure piombare definitivamente nel baratro. E una volta toccato il fondo non è sempre facile risalire.

CLASSIFICA ULTIME 19 GIORNATE (18 TURNI DISPUTATI PER TUTTE)

  1. Brescia 36
  2. Lecce 35
  3. Benevento 30
  4. Verona 30
  5. Perugia 27
  6. Spezia 27
  7. Cosenza 27
  8. Palermo 26
  9. Pescara 26
  10. Livorno 25
  11. Cittadella 23
  12. Ascoli 21
  13. Crotone 21
  14. Cremonese 20
  15. Venezia 18
  16. Foggia 18
  17. Carpi 15
  18. Salernitana 15
  19. Padova 13

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Advertisement
Advertisement

Altre news in News