Connect with us

News

Di Carlo nel post: “Bravi a reagire e a recuperare. Il rigore? Decisione arbitrale, c’è poco da dire”

L’allenatore del Vicenza Mimmo Di Carlo ha analizzato l’1-1 colto contro la Salernitana al termine della sfida: “Puntavamo alla vittoria, i ragazzi hanno fatto una buona gara. Nel primo tempo tecnicamente si è fatto molto bene, bisognava sicuramente concretizzare di più. L’impegno è stato buono, l’abbiamo studiata bene. Quando eravamo in fascia riuscivamo sempre a venirne fuori. Siamo stati un po’ lenti negli ultimi 10 minuti del primo tempo, nel secondo tempo, perciò, ho cercato di cambiare l’input spingendo i ragazzi a giocare di più in verticale. Penso che andare sotto e recuperare la partita contro una squadra forte è un segnale positivo e un motivo di orgoglio. Dobbiamo crescere in avanti, quando tutti staranno bene cercheremo di essere più incisivi. Ultimo passaggio? Bisogna crederci di più ed essere più determinati. Ma i ragazzi per quanto riguarda l’impegno sono stati straordinari. Su due partite in casa siamo andati sotto due volte, questa è una cosa che dobbiamo modificare subito e migliorare”.

Il trainer biancorosso ha detto la sua anche sul discusso episodio del rigore concesso ai granata: L’arbitro ha valutato così e c’è poco da dire. Non posso permettermi di dire nulla ed è inutile discutere. Mi è piaciuta però la reazione, andando sotto con la Salernitana rischiavamo di fare il loro gioco, invece siamo stati bravi e attenti nelle marcature preventive. Il pareggio è il risultato giusto alla fine”. Di Carlo ha commentato anche la prestazione dei suoi attaccanti, tra cui l’ex Jallow: “Dobbiamo recuperare giocatori importanti come Nalini e Jallow, oltre a Samuele Longo e Meggiorini. Sono fiducioso che se continuiamo a lavorare duro ci toglieremo grandi soddisfazioni anche in attacco. Cambiata tutta la linea davanti?  Ho cambiato per essere più imprevedibili, sono contento per quello che hanno dato Gori, Guerra, Nalini e Giacomelli. Abbiamo provato a vincerla cambiando i 4 attaccanti, non ci siamo riusciti ma l’impegno è stato grande. Nessun attaccante in gol? Bisogna avere pazienza e farli crescere. Si devono conoscere bene. Solo Marotta, Guerra e Meggiorini si conoscono bene, tutti gli altri sono arrivati da poco. Quando staranno bene tutti saranno sicuramente dei valori aggiunti. Sabato a Ferrara? Questa è la B, noi dobbiamo farci trovare sempre pronti e giocare con coraggio, andando a migliorare la qualità dell’ultimo passaggio”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News