Connect with us

News

Di Napoli visita l’Arechi col figlio: “Perché toccasse con mano l’amore per la squadra”

Ha giocato nella Salernitana solo per due anni, ma gli sono bastati a conquistare l’amore incondizionato di tutta la piazza a suon di gol e giocate. Un amore ricambiato da Arturo Di Napoli, a cui Salerno, il granata e l’Arechi sono rimasti nel cuore. Soprattutto la Curva Sud, il suo rumore e il suo calore. Per questo Re Artù è voluto tornare nel suo regno e mostrare la sua corte al figlio Thomas. “Quante volte sono stato lì sotto – ha scritto l’ex attaccante su Facebook – quanta forza ricevevo da quei cori, quanta energia mi dava star lì. La stessa che impiegavo mentre calciavo con i miei compagni. Ogni volta che ritorno a Salerno, provo le stesse emozioni. E ho voluto che Thomas, mio figlio, toccasse con mano quanto forte sia l’amore per la squadra di questa città. Grazie Salerno!”.
Con lo stemma del cavalluccio sul petto ha collezionato, oltre a una promozione in Serie B, 69 presenze e 34 gol, tanti dei quali segnati e festeggiati proprio all’ombra di quella curva gremita dei sudditi suoi e di Sua Maestà. E proprio sull’erba lì sotto ha deciso di portare il figlio e scattare una foto insieme a lui. Per sentire ancora e trasmettere l’eco dei cori e delle emozioni.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News