Connect with us

News

Difesa incassa gol e perde pezzi: Schiavi, 2019 ancora da spettatore

La difesa della Salernitana imbarca acqua e perde pezzi. Tanti gol incassati, altrettanti infortuni: una costante da quando i granata sono tornati in B. Così come i problemi accusati da Raffaele Schiavi. Il centrale di Cava de’ Tirreni tra scelte tecniche e guai fisici non gioca dallo scorso 30 dicembre, vale a dire dalla debacle interna all’Arechi contro il Pescara. Malgrado l’arrivo in panchina del suo mentore Gregucci, colui che lo fece esordire in prima squadra a Salerno portandolo successivamente a Lecce dopo l’esclusione della società capeggiata all’epoca da Aniello Aliberti. Nessuna seconda giovinezza per Schiavi che, dopo un buon inizio di stagione, è progressivamente scivolato nel tunnel dell’anonimato. Facendosi notare esclusivamente per il battibecco sugli spalti dell’Arechi con un contestatore durante l’ultima gara interna col Venezia.

Schiavi è in infermeria dallo scorso 1 marzo per una “lesione muscolare alla coscia sinistra”, il bollettino medico diramato dalla Salernitana parlava di condizioni da “rivalutare dopo 20 giorni”. A distanza di oltre un mese il centrale continua a lavorare a parte e non tornerà in gruppo prima di un paio di settimane. Appena in tempo per concludere l’ennesimo campionato anonimo, a livello personale e di squadra. La seconda avventura in maglia granata ha regalato ben poche soddisfazioni: nove apparizioni nel 2015/2016, 18 nel 2016/2017, 24 nel 2017/2018 e 14 in quella attuale. Schiavi non supera la soglia delle 30 presenze stagionali addirittura dal torneo 2010/2011 quando vestiva la maglia del Vicenza con Rolando Maran in panchina.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Advertisement
Advertisement

Altre news in News