Connect with us

News

Fair play Colombo, ‘rifiuta’ rigore in C: “Gesto istintivo. Salernitana, hai tutto da guadagnare!”

A dicembre compirà 39 anni e se Riccardo Colombo gioca ancora un motivo ci sarà. Sta bene, indica la strada in campo e fuori ai suoi compagni della Pro Patria, Serie C. Ieri pomeriggio si è reso protagonista di un – ahinoi – inusuale gesto di fair play: Rigore? No, grazie. Non c’è stato contatto. È la risposta che l’ex terzino della Salernitana, attualmente in forza alla Pro Patria, ha dato al signor Andreano di Prato ieri nel corso della partita dei bustocchi contro la Giana Erminio. “Ma è stato un gesto istintivo“, ha detto.

Entrato in campo al 24′ della ripresa, dopo due minuti Colombo è stato protagonista di un’azione in area di rigore avversaria, cadendo a terra dopo un contrasto con il difensore avversario Bonalumi. Il direttore di gara toscano ha indicato il dischetto del rigore, ammonendo l’avversario. Il 38enne, però, si è rialzato e ha detto all’arbitro di non essere stato toccato. Così, Andreano ha cambiato la decisione, invertendola ed ammonendo l’esperto calciatore. Complimenti ed applausi di tutti per il classe ’82 a fine partita. “Mi è venuto così, spontaneo, senza pensarci. È stato un gesto istintivo. – ha spiegato Colombo ai nostri microfoni – L’arbitro mi ha ringraziato e fatto i complimenti, allo stesso modo gli avversari e i miei compagni. Anche la società, che mi conosce, non era troppo sorpresa. Alla fine parliamo pur sempre di uno sport che ha dei valori fondamentali. In un mondo normale non dovrebbe esserci nulla di… anormale“.

A proposito di anormalità, questo slittamento di una settimana del torneo di B – che Colombo segue ovviamente da spettatore interessato, per via di tante sue ex squadre – non è stato digerito dalla piazza salernitana. “Vista la situazione da fuori, credo che fermarsi sia una cosa di buon senso, ma farlo ora non rappresenta certo un bene per la Salernitana: era lanciatissima, aveva il morale a mille e più sei sei così, più vuoi giocare e dimostrare sul campo di essere forte. Purtroppo a questo tipo di decisioni ci si può solo adattare“, afferma Colombo, autore di 5 gol in 66 partite con il cavalluccio sul petto nel biennio 2014/2016. “A guardare la rosa dei granata, sembra sorprendente la classifica a quattro turni dalla fine. Poi la guardi giocare e capisci. – continua – Sulla carta ci sono squadre più forti, ma la Salernitana non prende gol, è unita verso un unico obiettivo e tutte le squadre che devono affrontarla sanno che è dura portare a casa punti. Ho visto l’ultima vittoria contro il Venezia: solo una grande squadra vince certe partite”.

Peccato non avere il pubblico sugli spalti. Lo ribadisce anche Colombo, uno che qualche volta l’Arechi pieno e festante l’ha visto nel bene (quel campionato vinto nel 2015 in C) e nel “male”, quando la torcida doveva accompagnare la Salernitana alla salvezza in B l’anno successivo: “I tifosi quest’anno devono essere orgogliosi di ciò che sta facendo la squadra. È un gruppo che dà emozioni ed è la cosa più bella per tutti. Mi informo quotidianamente su ciò che succede a Salerno e sento che anche la gente sta tornando a innamorarsi come lo era nell’anno in cui vincemmo il campionato”. Senza stop, sarebbe stata vigilia di big match contro il Monza. Busto Arsizio non è molto distante dalla Brianza. “I biancorossi hanno un po’ di infortunati, c’è anche chi deve recuperare la migliore condizione come Balotelli o lo stesso Boateng che ha giocato l’ultima ma era fermo da un po’. Il Monza si avvantaggia con questa pausa, ma a me non è mai piaciuto pensare malignamente a disegni strani, bisogna adattarsi alle regole. Sogno promozione diretta per la Salernitana? Perché no, mancano quattro partite da giocare come se fossero quattro finali. – aggiunge ColomboI granata hanno tutto da guadagnare e niente da perdere, perché non erano certo partiti con l’obiettivo dichiarato di vincere il campionato. Di pressione ne ha molta di più il Lecce. Quando è così, non sempre rendi al meglio. Certo, i giallorossi vantano giocatori importanti come Massimo Coda: lo conosco bene, è il più forte della categoria e lo si vedeva già quando giocavamo insieme a Salerno. Ma ripeto, la Salernitana ha meno pressione in questo momento e deve provare a sfruttare questo momento per ricaricare le pile. I ragazzi dovranno riuscire a mantenere mentalmente quella voglia di portare a casa risultato che li ha contraddistinti fin qui, mettendo anche un po’ di benzina. Saremmo tutti contenti in caso di secondo posto, ma se la cosa non si verificasse, la Salernitana dovrebbe giocare ogni tre giorni ai playoff, per un calendario molto duro e serrato. Chi ha una rosa ampia riesce a gestirla un po’ meglio, ma non sarà facilissimo. Fisicamente potrebbe far bene un richiamino, non avendo la partita sabato, per arrivare rush finale con la giusta energia”.

Fair play, grande esperienza e anche una certa continuità con il biancazzurro della gloriosa Pro Patria per Riccardo Colombo, autore di un gol in 29 match ufficiali finora in stagione. È tornato a Busto Arsizio proprio dopo la fine dell’esperienza in Campania, nel 2016, conquistando anche la promozione dalla D alla C con la maglia della società che lo aveva lanciato nel 2002, non ancora ventenne. L’anno prossimo sarà ancora in campo? “Ragiono di mese in mese, ormai. Ma mi sa che un altro anno lo faccio. A fine torneo mi siederò a tavolino con la dirigenza e decideremo. Io mi sento bene, c’è feeling con la società che è serissima e soprattutto mi diverto. In tanti mi dicono di giocare finché posso e credo che, se il fisico me lo permetterà, li ascolterò”. Farà benissimo.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News