Connect with us

News

FIGC detta la linea: protocollo da applicare alla lettera, pene severe per i ‘furbetti’

figc

Sarà una ripartenza monitorata, sotto tutti i punti di vista. Il 20 giugno il pallone tornerà a rotolare, riporterà un minimo di normalità e l’azienda calcio potrà ripartire. Serviranno ovviamente tutte le attenzioni del caso, le insidie del virus sono ancora dietro l’angolo e i calciatori potranno essere abbastanza esposti, a causa di contatti in campo e spostamenti per le trasferte. In questo senso la FIGC è stata molto chiara: il protocollo va applicato alla lettera, niente leggerezze. Come riferisce il Corriere dello Sport, l’obiettivo primario della Federcalcio è quello di portare a termine i campionati senza intoppi, nella massima sicurezza e non saranno quindi tollerati comportamenti scorretti. Sui tamponi non si transige: vanno fatti ogni quattro giorni senza posticiparli o addirittura saltarli. Un rischio che potrebbe esserci, date le difficoltà a causa dei costi per alcune società (soprattutto in B) ad applicare il protocollo e anche a causa della norme restrittive sulla quarantena. Gravina vuole evitare casi di Covid nascosti tra i calciatori o magari fatti saltare fuori all’improvviso. Prevenire è meglio che curare e allora saranno previste pene per i furbetti, le sanzioni saranno riferite al Codice di Giustizia Sportiva e le infrazioni ad articoli specifici. Le più gravi potranno andare incontro ad una tanto severa punizione: l’esclusione dal campionato. Ispettori federali e ufficio antidoping saranno preposti a sorvegliare che tutti rispettino le regole. La norma anti furbetti sarà chiaramente discussa nel Consiglio Federale di lunedì.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News