Connect with us

News

FOTO. Il cuore di Salerno festeggia i 103: vecchie glorie battono cantanti, vince la solidarietà

La festa di compleanno nella città di Salerno è cominciata al Vestuti e si è spostata all’Arechi con l’amichevole fra Salernitana Legends e Nazionale Cantanti. La tifoseria dell’ippocampo ovviamente ha risposto presente nel giorno del compleanno numero 103 della Bersagliera, come testimonia il dato dei circa 9mila biglietti venduti, per un totale di 32mila euro raccolti e che saranno devoluti alla LILT di Salerno. Ma anche lo striscione esposto in Curva Sud per tutti i 90’: Ieri, oggi e domani questa storia d’amore non finirà mai!”. Partita combattuta fra due formazioni che hanno messo in campo tanto agonismo e sana competizione, nonostante non ci fossero punti in palio; tuttavia a spuntarla è stata la squadra delle vecchie glorie che si è imposta sugli avversari con il risultato di 3-2. In gol Pisano, Amore e Ginestra (Bugo e D’Acunto per i cantanti).

La partita

Giovanni Pisano apre le marcature spingendo in rete un pallone facile facile; la curva ovviamente esplode di gioia acclamando a gran voce l’autore della rete. A metà primo tempo si spinge in avanti la Nazionale Cantanti che riesce a guadagnarsi un calcio di rigore, ma Chimenti si fa trovare pronto e chiude lo specchio. Si rimane sull’1-0 per i granata, dopo il penalty fallito. Ad inizio ripresa, mentre a bordo campo si firmano magliette per i tifosi, Ginestra, nel rettangolo verde, raddoppia per la Salernitana Legends con un bel diagonale mancino. Al 20’ Bugo va in gol ed accorcia le distanze, ma pochi minuti dopo Amore porta sul 3-1 i suoi, mettendo a segno una splendida rete dopo aver saltato in slalom mezza difesa avversaria. La Nazionale Cantanti non ci sta e nel finale trova la seconda rete: Moreno intercetta l’arrembante passaggio di Iuliano e serve D’Acunto che deve soltanto spingere in rete. Lo sforzo però non basta ed al triplice fischio sono i calciatori i granata in maglia granata a festeggiare, chiudendo al meglio questa importante giornata per la storia di Sua Maestà.

Lo spettacolo

Questa sera i fari in Via Allende si sono accesi qualche minuto prima delle 20, con la sfilata dei ragazzi impegnati nel torneo giovanile Salernitana Cup; tutte le squadre partecipanti hanno ricevuto delle targhe ricordo. A consegnarle Antonio Larocca, Coordinatore del settore giovanile granata, e Filomeno Fimmanò (figlio dell’avvocato Francesco), da qualche mese consulente area della direzione sportiva (clicca qui per leggere l’articolo). Queste le società che hanno preso parte all’evento: Agorà Academy, F6, S.F. Pontecagnano, S.C. Spes, ASD Diesse, Assocalcio Terzotempo, SC Picentia, SSD Sporting Avella, Cantera, Feldi Eboli, Pol. Baronissi, Soccer Friends, Pol. Salerno Guiscards, Ling Mondo Nazione, Azzurri, Sport House. Poco prima del calcio d’inizio, spazio anche per l’esibizione musicale di Virginio (vincitore di amici 2011) con i brani “Ad occhi chiusi” e in anteprima “M’incanta”. Nell’intervallo, invece, si sono esibiti Tony Colombo ed Henry Santan.

Le foto

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le parole dei protagonisti

Bombardini: “L’emozione di tornare a Salerno è sempre grande, se poi ti accolgono così non ci sono parole per descrivere. Su questo campo ho vissuto 15 anni fa le emozioni che i calciatori stanno provando ora. E’ stato bellissimo tornare sotto questa curva, dopo anni di calvario finalmente la Salernitana è nella categoria che merita. Mi auguro che questo presidente ci faccia divertire e che la squadra resti in serie A per tanti anni. Vedo un futuro roseo”.

Bogdani: “L’età si fa sentire, è stato bellissimo tornare in campo per festeggiare con i tifosi il compleanno della Salernitana. Sono stati fondamentali per la salvezza in Serie A. Il primo ricordo che mi è venuto in mente è il gol nel derby con l’Avellino. Ho ritrovato tanti ex compagni che come me hanno ricevuto tanto da questa gente”.

Strada: “L’emozione è fortissima, c’è una bellissima cornice di pubblico che ci ha accolto in maniera splendida. Faccio i complimenti alla Salernitana per l’ottima salvezza, mi auguro che si ripeta il prossimo anno. Siamo stati in città tutta la giornata e ci hanno accolto benissimo. La tecnica non si perde, la fisicità e la linea purtroppo si…”.

Ricchetti: “Tornare qui e sentire ancora il calore della gente è un’emozione fortissima. Di ricordi belli ce ne sono tanti, ho trascorso quasi sei anni. Promozioni raggiunte e sfiorate, abbiamo vissuto un’epoca bellissima. Ho seguito il campionato della Salernitana, bisogna ripartire dalla rincorsa finale. Il risultato raggiunto è importante e insperato”.

Vannucchi: “Sono arrivato a Salerno da giovanissimo e ci ho lasciato il cuore ed un’amicizia fraterna con Luca Fusco che mi ospita a casa sua. E’ stato bellissimo tornare in campo, ho giocato quest’anno ancora in Terza Categoria. Seguo il calcio dai social, ho sperato nella salvezza perché a volte i miracoli accadono. Tanti anni fa retrocedemmo per un punto, stavolta il destino è stato dalla parte della Salernitana”.

Pisano: “Anche oggi abbiamo messo il timbro. E’ stato bellissimo tornare a Salerno e ritrovare i vecchi compagni. Faccio i complimenti alla società per la salvezza. Ci sono idee chiare ed ambizioni, bisogna partire da questo. Spero che ci sia meno sofferenza e che si possa raggiungere una salvezza tranquilla, il pubblico della Salernitana è da Serie A. Il cambio in dirigenza? Sabatini è esperto e navigato, De Sanctis è giovane ed ha tanta voglia, a Roma ha lavorato molto bene”.

Di Napoli: “E’ una serata fantastica, il pubblico di Salerno risponde sempre presente ed in particolar modo quando c’è da dare una speranza a chi non ne ha. Non lo dico per piaggeria, quest’anno il tifo è stato determinante per la salvezza”.

Vulpiani: “L’Arechi è un’altra cosa, ma noi degli anni ottanta siamo legatissimi al Vestuti. Anche se l’età c’è mi fa piacere partecipare e rivedere gli amici e rendermi utile per una giusta causa”.

Tosto: “Nel ’93 quando arrivai a Salerno ero un ragazzino. Pisano, Tudisco e Grimaudo hanno tracciato la strada per farci arrivare dove siamo arrivati. Abbiamo fatto parte della storia della Salernitana e mi reputo strafortunato”.

Fusco: “E’ una bella sensazione tornare in campo, oramai la partita la vedo dalla tribuna. Sono stato compagno di squadra di quasi tutti i presenti, è una bellissima serata. Con Ighli ho un rapporto speciale, ama Salerno e ci torna sempre volentieri in vacanza ed io lo ospito volentieri. E’ un compleanno che resterà nella storia come nella storia è rimasta questa salvezza. Società, tecnico e squadra hanno fatto un’impresa. Mio figlio gioca nel settore giovanile ma deve divertirsi, è appassionato e tifoso ma deve pensare a divertirsi”.

Fava: “Tornare a Salerno è meraviglioso, anche sono stati anni di gioie e dolori. La sconfitta col Verona ed il fallimento bruciano ancora, ma visto com’è andata poi forse è stato meglio così”.

Scarpa: “Ho giocato a Salerno solo per un anno, mi sarebbe piaciuto rimanere di più. Ho sempre pensato che la B stesse stretta a Salerno, ora è nella categoria che merita. La città e i tifosi meritano tanto, è difficile non affezionarsi”.

Del Grosso: “Non potevo mancare ad un evento del genere, ho rivissuto l’appannamento dell’esordio all’Arechi di tanti anni fa. E’ una sensazione che può capire soltanto chi ha avuto l’onore di vestire questa maglia e calcare questo campo. Sono contentissimo per la salvezza e faccio i complimenti alla società per averci creduto, a dicembre tutti ci davano già per retrocessi”.

Montervino: “E’ stato bello ritrovare tanti ex compagni, peraltro per una giusta causa. Ho ricordato il primo trofeo vinto nella storia della Salernitana, è un onore essere stato il capitano che l’ha alzato”.

Soviero: “Sepe merita la riconferma, è un portiere che in A ha già dimostrato di poterci stare. E’ bravo con i piedi. Salerno per i portieri è una piazza complicata, in tanti hanno fatto male qui e poi hanno giocato in A. Sepe è stato bravo a rimettersi in discussione dopo la delusione di Parma, non è semplice accettare di essere messo da parte anche se si tratta di un mostro sacro come Buffon”.

I presenti

Salernitana Legends: Chimenti, Grimaudo, Facci, Tosto, De Cesare , Enzo Fusco, Strada, Tedesco, Greco, Artistico, Pisano, Leccese, Del Grosso, Di Sarno, Facci, Viscito, Breda, Montervino, Lanzaro, Luca Fusco, Enzo Fusco, Gambardella, Della Pietra, Pasquali, Sica, Ricchetti, Ferrarese, Vulpiani, Olivieri, Russo, Zito, Avallone, Soviero, Ginestra, Pisano, Artistico, Ferraro, Ferrara, Chiancone, Di Napoli, Amore, Bombardini, Strada, Di Vicino, Merino, Fava, Incarbona, Morfuco, Mancuso, Effice, Cardinale, Guazzo, Cammarota, Tedesco, Socci, De Luca, Greco, Scarpa, De Cesare, Vannucchi, Camorani, Iuliano, Tonico, Bogdani, Villa Per Bene, Robertiello.
Marcatori: Pisano 13’ pt, Ginestra 5’ st, Amore 22’ st (S), Bugo 20’ st, D’Acunto 30’ st.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 






Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News