Connect with us

News

Grassadonia a R. Alfa: “La Salernitana ripartirà bene, Menichini va supportato. Cicerelli ha qualità”

Nato a Salerno e formatosi calcisticamente nella città di San Matteo, Gianluca Grassadonia è fin da giovane legato ai colori granata prima nel settore giovanile e poi in prima squadra (88/89, dal 93 al 96 e nel 2007), con una promozione in Serie B con Delio Rossi allenatore. Appesi gli scarpini al chiodo la sua storia resta legata all’ippocampo, Grassadonia infatti allena Berretti e Primavera, con una parentesi anche in prima squadra nel 2009. L’ormai ex tecnico del Foggia, data la non iscrizione dei satanelli alla Serie C, è intervenuto ai microfoni di Radio Alfa, commentando in primis i festeggiamenti per i cento anni in città, ai quali però non ha preso parte: “Il Centenario è stata una grande festa, da come ho seguito. E’ stato festeggiato nel migliore dei modi con tanti ex giocatori che hanno fatto la storia. Fortunatamente i granata hanno mantenuto la cadetteria, cosa importantissima. Io non c’ero perché non sono stato invitato, ma non commento oltremodo”. Con il Foggia l’ex difensore è stato spettatore interessato delle vicende giudiziarie di fine stagione: “Faccio fatica a parlarne, col Foggia eravamo diretti intreressati. Sul campo avevamo conquistato la salvezza, facendo 43 punti, per noi è stata una stagione difficile per tante cose, poi è finita malissimo. E’ un dispiacere veder sparire questa città dal panorama calcistico italiano, una grave perdita per il sistema. Per la Salernitana non è stata un’annata facile, non ci si aspettava si arrivasse ai playout. La squadra tutta è stata brava a rimanere sul pezzo e portare a casa la salvezza”. Da ex granata Grassadonia dice la sua anche sulle tensioni tra tifosi e società: “Io penso che la piazza abbia dimostrato maturità, rispondendo presente nelle due partite contro il Venezia e dimostrando il senso di appartenenza nelle difficoltà. Dalle parole di Mezzaroma nella conferenza di ieri ho colto voglia di rivalsa da parte della società, con l’idea di costruire una squadra importante. Non si deve scherzare con i sentimenti, la Salernitana aveva nelle corde un campionato diverso a inizio anno, con dei singoli di qualità, poi qualcosa si è inceppato. Sono convinto che la proprietà voglia ripartire bene, dalla voglia, dalla passione e dall’entusiasmo che ha lasciato in eredità il Centenario”. Da collega un commento sulla posizione di Leonardo Menichini, guadagnatosi la conferma sul campo, ma con qualche dubbio sporadico sulla sua permanenza: “E’ fondamentale scegliere l’allenatore, poi va supportato e i giocatori devono credere in lui. La società non deve destabilizzarlo agli occhi dei giocatori. Ripeto, ho buone sensazioni per il nuovo campionato della Salernitana, dopo tanto amaro in bocca”. La pressiona della piazza, a detta anche di Lotito, è stato uno dei problemi per la Salernitana quest’anno: “Chi fa questo mestiere deve convivere con le pressioni. A Salerno serve personalità e autostima, saper sopportare le critiche. La piazza chiede tanto e servono i giocatori giusti, un mix di esperti e giovani bravi. I tifosi granata hanno sempre chiesto massimo impegno e dedizione che sono componenti fondamentali. Il prossimo anno sarà di rivalsa”. Dopo la mancata iscrizione del Foggia tanti giocatori saranno liberi di trovarsi una nuova sistemazione. In rossonero ha giocato Emanuele Cicerelli, in prestito proprio dalla Salernitana e che quindi sarà di ritorno. L’esterno ha reso bene sotto la guida di Grassadonia che gli ha dato la possibilità di giocare e crescere: “Non è vero che Cicerelli sa giocare solo con me. In un anno difficile ha dimostrato grandi qualità, può ricoprire più ruoli e in una piazza difficile come Foggia è stato uno di quelli che ha dato di più. Spero che i granata non se lo lascino scappare”. Chiosa finale sul suo futuro: “Ho avuto varie richieste dalla C, ma punto a mantenere la categoria. L’annata è stata particolare, ma la media mia e del mio staff è stata da salvezza, si è fatto il massimo in un grande ambiente, ma con un contorno societario difficile. Ora penso alle vacanze, in autunno si vedrà”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News