Connect with us

News

Grassadonia loda Ventura: “Salernitana ha fatto più del massimo, rosa non all’altezza dei playoff”

Cresciuto nella Salernitana, dove poi ha anche concluso la sua carriera da calciatore e iniziato quella da allenatore, Gianluca Grassadonia non smette di seguire la squadra della sua città. Ieri infatti ha guardato partita con lo Spezia che ha deluso il popolo granata, ma secondo lui la stagione non è stata affatto deludente: “Ieri ce l’ha messa tutta ma ha trovato una squadra forte, non a caso al terzo posto. Inoltre l’ho detto anche in tempi non sospetti, la Salernitana ha fatto più del massimo. Una rosa così che arriva a giocarsi i playoff è un grande risultato. Ritengo la rosa della Salernitana buona, ma non in grado di andare oltre una salvezza tranquilla, essersi giocati i playoff fino all’ultima giornata è un risultato notevole“.
Grande merito va quindi all’allenatore, da cui l’ex difensore ha avuto l’opportunità di imparare quando vestiva la maglia del Cagliari: “Sicuramente il mister ha tracciato la linea di un percorso che deve essere sviluppato ancora. La società deve confermare i giocatori che lui ritiene utili al progetto e prendere giocatori pronti a un campionato importante. Se credo che verrà riconfermato? Non penso che possa essere messo in discussione. Ha raccolto macerie. Se l’anno scorso al Foggia non fosse stata data la penalizzazione…a pensarci tremano i polsi. Il mister ha ridato anima alla squadra, ha lavorato anche dal punto di vista mentale e ha fatto un campionato più che dignitoso. La società valuterà anche in base alle indicazioni del mister che direzione prendere“.
Per centrare l’obiettivo playoff all’Ippocampo è mancata una cosa: “Continuità. Perché è una squadra che non è mai riuscita ad avere continuità di risultati o prestazioni. Ha vinto contro squadre importanti, ma poi falliva la partita successiva. Mancavano giocatori che potessero far fare il salto di qualità e l’ha detto anche il mister più volte. In un campionato continuativo e intenso, dove anche squadre attrezzate come l’Empoli, il Perugia, la Cremonese, hanno deluso, bisogna essere all’altezza giornata dopo giornata“.
Da questo passa anche il fallimento nelle partite decisive, come quella di ieri, come la gara di Cosenza della scorsa stagione, sensazioni che ha provato anche lo stesso Grassadonia, in campo contro l’Atalanta allo Stadio Atleti Azzurri d’Italia quando la Serie A sfumò dalle mani della Salernitana nel 1995: “Per trovare risultati bisogna trovare continuità, Ventura ha raccolto le macerie e ha saputo ricostruire. Per fare un palazzo bisogna partire dalle fondamenta. Ora la società deve capire che servono giocatori di qualità e carisma che alzino il livello della rosa. Serve qualcuno che dia quello che è mancato quest’anno: personalità, esperienza, carisma e alla fine aggiungere la qualità che sinceramente quest’anno non c’era“.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News