Connect with us

News

Il Napoli corre. Spalletti: “Vogliamo arrivare tra le prime 4 e rendere felici i tifosi”

Il Napoli passa a Bologna, vincendo 0-2, ed approfitta della battuta d’arresto del Milan con lo Spezia per riavvicinarsi alla seconda posizione. Affronterà dunque con ancor più carica il derby contro la Salernitana domenica. Contento, ma non troppo, Luciano Spalletti che nonostante i 70’ giocati benissimo dai suoi ragazzi, avrebbe voluto massima concentrazione fino alla fine.

“Mi arrabbio se non cacciamo quelle che sono le nostre qualità, e la nostra professione. Quando ci arriva il pallone fra i piedi non dobbiamo metterlo discussione ma bisogna essere bravi nel gestirlo. Non siamo fisici, il nostro gioco deve essere basato sul palleggio, lavorando e ripulendo le palle sporche. Non riusciamo a fare altro, come buttare palla in avanti”, ha detto il trainer a Dazn dopo la partita. Nelle ultime uscite il Napoli, nonostante le assenze, sembra aver trovato la giusta determinazione che era venuta un po’ a mancare alla fine del girone d’andata: “Quando capisci la strada da percorrere hai delle caratteristiche ed un tuo perché; in alcuni momenti lo perdiamo scendendo in campo molli e banali per l’importanza del ruolo che abbiamo. Indossiamo una maglia troppo importante e dobbiamo essere orgogliosi di la rappresentare questa città dentro al campo di gioco. Abbiamo il dovere di fare bene per la nostra gente. Siamo felici quando renderemo felici i tifosi, siamo obbligati nei loro confronti. A livello personale dobbiamo far felici la famiglia, a livello professionale i nostri sostenitori. Non importano i numeri individuali o chi fa gol, dobbiamo ottenere un risultato di squadra e di gruppo per portare la città dove merita. Dobbiamo essere l’orgoglio dei nostri tifosi”.

Il Napoli si conferma squadra da alta classifica: “Tutto dipende da noi e dai nostri errori. Fino ad oggi abbiamo lasciato punti per strada difficili da ritrovare. Si può non vincere non essendo tutti ma allo stesso tempo non perdere. Ora la classifica è complicata visto che le squadre la davanti vanno davvero forte. L’obiettivo è quello di arrivare fra le prime quattro, abbiamo la qualità per farlo. Oggi ci hanno messi in difficoltà sul forcing finale quando in realtà avevamo possibilità di ripartire con più spazi a disposizione”.

Protagonista assoluto della vittoria di Bologna, Hirving Lozano con la sua prima doppietta in A: “La squadra ha giocato benissimo, siamo un team forte e dobbiamo guardare di partita in partita. Come mi sento? Non era facile tornare dopo 15 giorni di isolamento. Tutto sommato però sto bene, devo solo tornare a lavorare di più perchè la gamba viaggia bene ma è stanca. Per quanto riguarda la questione scudetto penso che la cosa migliore è preparare partita dopo partita: il campionato è lungo e speriamo di fare più punti possibili. La mia prestazione? Sarà il mister a decidere come e quando utilizzarmi. Io penso soltanto a fare bene quando vengo chiamato in causa. La situazione di Osimhen non è delle migliori: anche io ho portato per diverso tempo quella maschera ed è davvero difficile giocarci. Dovrà abituarsi”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News