Connect with us

News

Il peso degli errori (e della sfortuna): Salernitana obbligata a essere più cinica sotto porta

La Salernitana ha il peggior attacco del campionato di Serie A. Sono dieci i gol realizzati nelle prime dodici giornate dalla compagine granata, ieri a Roma a secco di reti per la seconda partita consecutiva. Se col Napoli sono stati Di Lorenzo e l’imprecisione di Gagliolo a negare la gioia del gol ai tifosi granata, all’Olimpico hanno pesato due pali. Il primo colpito da Djuric in avvio di ripresa, il secondo poco dopo da Ribery, pericolosissimo con un autentico colpo da biliardo.

Proprio la statistica relativa ai legni incuriosisce: la Salernitana finora ne ha colpiti 7, al pari di Bologna e Napoli. Ha fatto “meglio” solo la Roma di Mourinho, fermata 8 volte da pali o traverse. Una statistica che va di pari passo con quella dei cross: la Salernitana ne ha effettuati 59 riusciti e 78 sbagliati, posizionandosi alle spalle di Inter e Roma in questa speciale graduatoria. Dato in controtendenza con quello del possesso palla: anche con Colantuono in panchina quella granata resta la formazione che tiene meno la sfera tra i piedi, con una media di 19 minuti e 23 secondi a partita.

Una serie di dati che aiuta a capire quanto sia importante riuscire a capitalizzare le occasioni create. La conferma arriva dalle vittorie con Genoa e Venezia, quando la Salernitana è riuscita a sfruttare le opportunità sotto porta, conquistando così vittorie che le consentono di restare a galla. “Fare gol è la cosa più importante” ha ribadito ieri sera Stefano Colantuono, rimarcando come la sua squadra stia facendo i conti con la sfortuna dato che “contro Napoli e Lazio le occasioni le abbiamo create. Dovremmo capitalizzare meglio” ha però ammesso il trainer granata che in vista delle importantissime sfide contro Sampdoria e Cagliari dovrà lavorare anche su questo aspetto.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News