Connect with us

News

La maledizione del 29 febbraio: “giorno in più” felice solo nel ’48 per i granata

“Anno bisesto, anno funesto”, è il detto che puntualmente arriva nell’anno bisestile, quello col giorno in più del 29 febbraio che cade ogni quattro anni. Ieri pomeriggio la Salernitana ha giocato la sua quarta partita nella storia nell’inusuale data, perdendo per la terza volta. Insomma, un giorno che continuerà a far fare i debiti scongiuri ai superstiziosi.

I granata hanno giocato (e vinto) la prima partita della storia il 29 febbraio nel lontano 1948, battendo il Vicenza per una rete a zero nel campionato di massima serie, grazie al gol di Morisco. Da allora, solo dolori quando il calendario ha posizionato il cavalluccio nel “giorno in più” dell’anno civile. Nel 1976 Salernitana-Sorrento finì 1-2 al Vestuti nel campionato di Serie C, con vantaggio locale di Capone e poi doppietta ospite di Scarpa. Nel 2004 all’Arechi invece Salernitana-Livorno terminò 0-2 in B (doppietta Lucarelli). Ieri, il kappaò allo Stirpe di Frosinone con la firma di Novakovich. Meglio guardare avanti.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News