Connect with us

News

La quarantena di Nicola Salerno: “Un incubo tornare in Italia. Porte chiuse? Tanto vale giocarsela a dadi”

Dall’Inghilterra all’Italia, per passare la quarantena con i propri cari. Nicola Salerno ha fatto giusto in tempo, prima della chiusura totale: ha lasciato il Watford dove lavora appena è stata chiusa la Premier e ora è tornato in Italia: “Sono rientrato a Trieste per stare vicino alla mia famiglia e ora sono in quarantena – ha detto l’ex direttore sportivo della Salernitana al quotidiano Il Mattino – Qui non si può uscire di casa, lo fa solo mia moglie che ha il permesso, quando c’è bisogno di fare la spesa. Per il resto è praticamente vietato uscire, del resto questo maledetto virus sta mietendo tantissime vittime in tutto il mondo e non bisogna servirgli alcun tipo di assist”.

Anche se in Inghilterra, all’inizio, il virus è stato sottovalutato: “Sì, è così. Si faceva tutto normalmente, poi anche lì la situazione è diventata seria, per non dire grave, e hanno preso le misure del caso. Il viaggio è stato un incubo. Sono atterrato a Roma, ma la sera non c’erano treni per Bologna. A quel punto, ho dovuto cercare un albergo e non è stato facile. Il giorno dopo ho preso il treno per Bologna ed è stato terribile arrivare lì e trovare una città, che ricordavo sempre brulicante di vita, vuota, deserta, spenta. Non c’era nessuno e avevano anche soppresso tutti i treni per il Nord. Per tornare a Trieste ho preso il taxi. Non sono preoccupato ma realista. Questo virus uccide le persone, abbiamo visto tutti le immagini provenienti da Bergamo dove i camion militari portavano via decine di bare e questo ci fa capire che si rischia tanto. Perciò, bisogna stare in casa e aspettare che passi”.

Si poteva fare qualcosa di più all’inizio? “Non lo so se il pericolo sia stato sottovalutato, però posso dire che io mi sono trovato a Bergamo nei giorni del deragliamento del treno e della partita di Champions tra Atalanta e Valencia. Ero lì per parlare con degli operatori di mercato e tutti facevamo le cose di sempre: strette di mano, abbracci, cene al ristorante a Bergamo Alta, insomma la vita di sempre. Eppure, in quei giorni nell’aria avvertivo che c’era qualcosa che non quadrava. Io stesso ebbi un forte raffreddore che curai con le medicine”.

Adesso tutti aspettano di tornare alla normalità: “Ma è difficile dire quando, per me bisognerà aspettare ancora un po’ di tempo. Quanto non lo so, ma certamente non si tratta di qualche settimana. C’è in ballo la vita di tutti, le persone muoiono a migliaia ovunque e la priorità è la salute. Il calcio ora passa in secondo piano, ci mancherebbe. Riprendere a maggio? La vedo difficile e poi si giocherebbe a porte chiuse. Tanto vale giocarsela a dadi. Per me non si deve avere fretta. Ora bisogna tutelare la salute, la vita. Tanta gente sta morendo, il pallone in questo momento non è la cosa principale”.

In Inghilterra, paradossalmente, i campionati minori sono continuati anche dopo lo stop della Premier: “È stata una cosa surreale, strana, come lo è stato aver fatto disputare la gara tra Liverpool e Atletico con tantissima gente allo stadio. In futuro, non so per quanto, saremo sicuramente condizionati da ciò che stiamo vivendo. Come si può immaginare che si giochi con tante persone sugli spalti, finché il virus non sarà stato del tutto sconfitto? Ora è dura, ma dobbiamo pensare prima di tutto alla salute, che è un bene primario. Il resto verrà dopo”.

Salerno poi chiude con un messaggio ai tifosi della Salernitana: “Li saluto e li abbraccio con grande piacere, sebbene a distanza. Salerno è una delle tre piazze, tra quelle in cui sono stato, che mi hanno lasciato dentro qualcosa di speciale. Sono rimasto molto legato alla città e ai tifosi. Quella stagione così travagliata e così intensa resterà per sempre nel mio cuore”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News