Connect with us

News

La Salernitana stacca la spina al Mazza: la Spal domina e vince 2-0

SPAL-SALERNITANA 2-0

SPAL (3-4-1-2): Berisha; Tomovic, Vicari, Ranieri; Dickmann, Missiroli (30′ st Murgia), Sa. Esposito, Sala; Valoti (43′ st D’Alessandro); Se. Esposito (30′ st Moro), Di Francesco (19′ st Brignola). A disp: Thiam, Galeotti, Salamon, Sernicola, Okoli, Spaltro, Seck, Jankovic. All: Marino

SALERNITANA (4-4-2): Belec; Casasola, Aya, Gyombér, Veseli (42′ st Baraye); Kupisz (42′ st Antonucci), Schiavone (15′ st Capezzi), Di Tacchio (1′ st Dziczek), Cicerelli (37′ st Giannetti); Tutino, Djuric. A disp: Adamonis, Mantovani, Karo, Iannoni, Bogdan, Barone. All: Castori

Arbitro: Pezzuto di Lecce (Zingarelli/Annaloro). IV uomo: Amabile di Vicenza

Note: Marcatori: 6′ pt Valoti, 41′ pt Di Francesco; Ammoniti: Di Tacchio, Dziczek, Aya, Giannetti, Tutino, Casasola (SA), Dickmann, Missiroli, Tomovic, Ranieri (SP); Angoli: 6-3; Recupero: 2′ pt, 6′ st


FERRARA. La Salernitana voleva il primato, ma a Ferrara subisce invece il primo ko stagionale. L’ippocampo non si rende mai realmente pericoloso durante tutto l’arco del match e cade sotto i colpi di Valoti e Di Francesco. I tanti errori individuali regalano alla Spal il sorpasso in classifica, a quota 12, proprio sui granata che restano a quota 11.

CRONACA. Fabrizio Castori si schiera in formazione tipo, o quasi. Nel classico 4-4-2 il tecnico deve fare a meno di Lopez, rimasto a casa per un problema muscolare, al suo posto Veseli. Per il resto giocano i fedelissimi. Marino non ha Castro squalificato, sostituito da Valoti, gli infortunati Floccari e Viviani e i positivi al Covid Paloschi, Strefezza e Gomis. Nel 3-4-1-2 estense gioca in difesa il mancato granata Ranieri. Parte forte la Spal facendosi vedere subito dalle parti di Belec. Dopo tre minuti arriva il primo giallo sventolato a Di Tacchio per un’entrata su Sebastiano Esposito. Al 6′ i padroni di casa passano: angolo di Sala e Valoti, perso completamente da Di Tacchio, appoggia comodamente in rete di piatto destro. Al 9′ traversa della Spal con un cross insidioso di Dickmann dalla destra che Belec non legge bene. Proteste spalline al 12′ per un presunto fallo di mano di Di Tacchio sul mancino di prima intenzione di Sala, per Pezzuto è tutto ok. Al 20′ primi timidi segnali di Salernitana: ci prova debolmente Kupisz da fuori. Due minuti dopo Schiavone, ancora da fuori, è impreciso. Al 23′ Cicerelli sbaglia un’occasione importante, il suo mancino di prima, dopo il tiro respinto di Djuric, finisce in Curva Ovest. Spal pericolosissima al 31′ con Di Francesco che avanza centralmente, punta Aya e poi calcia forte col destro, pallone di poco alto sopra la traversa. Un minuto dopo è pericoloso Sebastiano Esposito che calcia fortunatamente a lato su un appoggio di Dickmann, scappato via a Veseli. Al 36′ Cicerelli scappa via a Dickmann e lo fa ammonire. Al 38′ Salvatore Esposito mette paura a Belec con un destro potente dalla lunga distanza. Al 41′ i biancoazzurri raddoppiano: Di Francesco parte palla al piede dalla sua metà campo, la sua accelerazione è bruciante, nessun difensore granata riesce a fermarlo e l’ex Bologna calcia col destro a giro nell’angolino, Belec non può arrivarci. All’intervallo Spal meritatamente avanti, Salernitana non pervenuta.

È la Salernitana ad effettuare il primo cambio del match ad inizio ripresa, Castori richiama Di Tacchio e inserisce Dziczek e cambia modulo, passando al 3-4-3, con Veseli spostato a centrale sinistro, Casasola esterno di centrocampo e Cicerelli ad agire sul fronte mancino dell’attacco. La Spal alza subito il ritmo con un tiro di Di Francesco respinto da Belec, poi Sebastiano Esposito viene pescato in offside. All’8′ si scuote la Salernitana con Schiavone che conclude a lato col piatto destro dopo una bella ripartenza. Castori richiama anche l’ex Bari per gettare nella mischia Capezzi. Al 18′ Djuric si divora la palla gol per accorciare le distanze, il bosniaco calcia col destro sull’esterno della rete da buona posizione una palla arrivatagli su un rimpallo. Al 25′ è ancora il numero undici a sfiorare la rete con una bella torsione aerea su cross di Cicerelli, il pallone fa la barba al palo. Al 29′ la Spal penetra pericolosamente centralmente, ma la difesa della Salernitana si salva. Al 31′ Brignola va in gol, ma il gioco era fermo per un fallo di Murgia su Gyombér. Sessanta secondi dopo Cicerelli imbuca per Tutino ma il pallone è lungo; l’ex Cosenza sarebbe stato probabilmente in offside. Poco dopo cavalluccio pericoloso con cross basso e forte di Kupisz, Casasola calcia col sinistro, ma la difesa spallina libera. Nel finale Castori si gioca anche la carta Giannetti, richiamando Cicerelli. Al 38′ ci provano i padroni di casa su punizione con Murgia, la sua conclusione però e centrale e facile per Belec. Due minuti dopo Kupisz, ben servito da Djuric, si fa murare un tiro col destro in area. Castori tenta il tutto per tutto con gli ingressi di Antonucci e Baraye per Kupisz e Veseli. Nel terzo dei sei minuti di recupero Djuric di testa non impensierisce Berisha, poi si accende una scaramuccia in campo e vengono ammoniti Tutino, Ranieri e Casasola. Al 94′ Giannetti cicca la concusione col mancino da buona posizione. La Spal chiude in dieci per un infortunio a Sala, ma il risultato non muta: primo ko stagionale per la Salernitana, non pervenuta al Mazza.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News