Connect with us

News

La Salernitana torna a far punti in trasferta: pareggio in inferiorità numerica a Crotone e più tre sul nono posto

Un punto d’oro per la Salernitana. I granata escono imbattuti dalla sfida dello “Scida” accarezzando, anche se per pochi minuti, il sogno del colpaccio esterno. Un punto prezioso che fuori casa mancava dal 2 febbraio così come il gol e che permette alla compagine di restare al settimo posto con tre punti di vantaggio sull’Empoli nono in classifica.

LA PARTITA. Ventura rivoluziona ancora l’undici di partenza dovendo fare a meno di Dziczek in cabina di regia. Spazio dunque ad un inedito 4-2-3-1 con Cicerelli a vestire i panni di terzino destro e il tridente composto da Lombardi, Maistro e Kiyine a sostegno dell’unica punta Djuric. Stroppa risponde con il consolidato 3-5-2 affidandosi all’estro del tandem offensivo Messias-Simy. Il primo pericolo però lo crea un centrocampista, in maglia granata: al 13’ Akpa Akpro, al termine di un ripartenza, calcia debolmente verso la porta di Cordaz. Il pallone è lento ma velenoso e termina di poco a lato. Quattro minuti dopo Migliorini la mette in porta di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Curcio ma l’arbitro non convalida la rete per una spinta del difensore granata ai danni di Marrone. Cinque minuti dopo incursione di Mustacchio sulla sinistra, cross al centro dove Simy di testa anticipa Migliorini impegnando Micai che risponde presente da distanza ravvicinata.

Alla mezz’ora si affaccia ancora in attacco il Crotone: bel cross dalla trequarti di Benali per Zanellato che di testa non inquadra lo specchio della porta. Nel finale di primo tempo brutta notizia per Gian Piero Ventura: su un passaggio illuminante di Kiyine, Lombardi tenta l’affondo finendo per infortunarsi. Il giocatore ex Venezia lascia il campo di gioco portato a spalla dal medico sociale e dal fisioterapista dopo aver accusato un dolore alla coscia sinistra, presumibilmente al flessore.

La ripresa vede la Salernitana partire con le marce alte. Da un lancio lungo partito dalla retrovie, Djuric duella con Golemic che va terra, Maistro approfitta della sponda del bosniaco controllando la sfera al limite dell’area dopo un passaggio di Gondo e dopo aver lottato con Barberis lascia partire un sinistro forte e preciso indirizzato al primo palo che sorprende l’esperto Cordaz. Un vantaggio che dura poco, per la precisione sette minuti: al 53’ infatti Messias trasforma una punizione con una conclusione da manuale dopo un fallo di Akpa Akpro su Zanellato. Il Crotone guadagna metri e fiducia e al 59’ Zanellato si inserisce nuovamente sulla trequarti cercando la conclusione personale senza però inquadrare lo specchio della porta. Un giro di lancette e nell’area di rigore granata succede di tutto: Benali fa tutto bene arrivando al vertice dell’area piccola ma al momento del tiro trova la risposta di piede di Micai. Cerca il tap-in vincente Simy ma la conclusione dell’attaccante nigeriano finisce contro la testa di Aya prima del rinvio di Curcio che pochi minuti viene espulso per somma di ammonizioni dopo una trattenuta su Messias. Ventura corre ai ripari togliendo dal campo il diffidato Kiyine e inserendo l’esperto Lopez per provare a tamponare le scorribande degli avanti rossoblu. Al 70’ girandola di emozioni: sponda di Molina per Benali che di testa da due passi deve fare i conti con la risposta di Micai. Sul capovolgimento di fronte Cicerelli innesca Gondo che entra in area, si accentra e va giù dopo un contatto con Marrone. L’arbitro fischia ma ammonisce l’ivoriano per simulazione, scatenando le proteste di Ventura ma le immagini sembrano dare ragione al signor Prontera di Bologna. La partita cala di intensità ma all’89’ la Salernitana si riaffaccia in attacco: cross di Lopez dalla sinistra per la testa di Gondo che per poco non trova il gol della serata. Da segnalare l’espulsione, per proteste, comminata al dirigente granata Alberto Bianchi in panchina.


Il TABELLINO

CROTONE (3-5-2): Cordaz; Curado, Marrone, Golemic; Mustacchio (80’ Mazzotta), Benali (80’ Crociata) Barberis, Zanellato (67’ Jankovic), Molina; Messias, Simy. A disp. Festa, Gigliotti, Spolli, Armenteros, Bellodi, Gerbo, Gomelt, Maxi Lopez, Evan’s. All. Stroppa

SALERNITANA (4-2-3-1): Micai; Cicerelli (77’ Karo), Migliorini, Aya, Curcio; Akpa Akpro, Di Tacchio; Lombardi (38’ Gondo), Maistro, Kiyine (65’ Lopez); Djuric. A disp. Vannucchi, Billong, Capezzi, Jallow, Galeotafiore, Jaroszynski, Heurtaux, Giannetti. All. Ventura

ARBITRO Prontera di Bologna

RETI: 46’ Maistro (S), 53’ Messias (C).

NOTE: serata umida, temperatura calda, campo in buone condizioni. Ammoniti: Di Tacchio (S), Aya (S), Gondo (S).  Espulsi: al 63’ Curcio (S) per somma di ammonizioni, all’88’ Bianchi (S) dalla panchina per proteste. Angoli: 3-2. Recupero: 1’ pt; 5’ st.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News