Connect with us

News

L’attesa per diventare un punto fermo: la Salernitana ha scoperto Gondo e lui non vuole più fermarsi

Prima l’ambientamento e poi l’attesa per prendersi una maglia da titolare che non vuole proprio mollare più. Cedric Gondo, arrivato in estate con il bollino di ennesimo giocatore meteora girato dalla Lazio, ha dovuto aspettare per nove giornate prima di fare il suo esordio con la Salernitana, poco più di tre mesi fa a Pisa. Un’attesa, a detta di Ventura, necessaria per farlo entrare nella sua idea di calcio e per non esporlo a critiche eccessive di una piazza esigente. Dopo la sfortunata trasferta in terra toscana il classe ’96 però non ha più lasciato il suo posto in campo, guadagnandosi la fiducia del tecnico con impegno e dedizione: nelle successive dodici sfide è sceso in campo dal primo minuto in nove occasioni, consecutivamente nelle ultime sei, saltando solo le partite contro Juve Stabia, relgato in panchina, e Cittadella, fermato da un virus. Una piacevole sorpresa per un quasi neofita della cadetteria (prima dell’arrivo a Salerno appena 25 le presenze collezionate con la Ternana).

Finora l’ivoriano non ha dimostrato doti da cecchino dell’area di rigore, i gol segnati sono appena 2 (potevano essere 3 con quello annullato contro l’Ascoli), anche se decisivi nella vittoria contro il Crotone; d’altronde il biglietto da visita parla di una doppia cifra raggiunta in carriera solo nel settore giovanile della Fiorentina. L’ex Rieti però ha messo a disposizione una grande capacità di adattamento al compagno di reparto, alternandosi bene sia con Jallow che Djuric e aggiungendo grande generosità, altruismo e voglia di sacrificarsi. La propensione all’assist di Gondo, condita dai suoi movimenti, è poi una dote che i compagni di squadra stanno ben sfruttando, in ultimo Akpa Akpro nel siglare il raddoppio contro il Cosenza sabato. Insomma il ragazzo non sarà un bomber di razza, ma si sta rivelando importante per gli equilibri del cavalluccio e la giovane età è tutta dalla sua parte. Il tempo per crescere è ancora tanto e di ciò la Salernitana può solo beneficiarne.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement
Advertisement

Altre news in News