Connect with us

News

VIDEO. Lazio, discordanze nel riesame dei tamponi: Lotito in Procura

AGGIORNAMENTO ORE 17 – Claudio Lotito è arrivato presso la Procura di Avellino che ha aperto un’inchiesta sulla vicenda dei tamponi legati alla Lazio. Il patron del club biancoceleste è stato convocato dalla Procura che lo ascolterà come persona informata dei fatti, come successo al responsabile medico dei biancocelesti Pulcini.


ORE 13 – Le acque restano agitate in casa Lazio. La telenovela tamponi tiene ormai banco da venti giorni, da quando cioè la Procura Federale ha aperto un’inchiesta sul club biancoceleste per verificare eventuali violazioni ai Protocolli sanitari finalizzati a contenere l’epidemia da Covid-19 e per comprendere i rapporti della società con le Asl di riferimento. La Procura di Avellino invece ha aperto un’inchiesta per la difformità di risultati dei test di alcuni giocatori biancocelesti prima della gara di UEFA Champions League Club Brugge-Lazio e del campionato di Serie A Torino–Lazio, negativi per il Centro Polispecialistico ‘Futura Diagnostica’ di Avellino (al quale si affida anche la Salernitana) e positivi per l’UEFA. L’ospedale Moscati di Avellino ha riesaminato i test del centro irpino, riscontrando la positività di Strakosha e la negatività di Leiva ed Immobile, in contrasto con gli esami del Campus Biomedico di Roma dello scorso 6 novembre per il quale i calciatori erano tutti positivi, del Futura Diagnostica per il quale erano tutti negativi e del laboratorio MeriGen di Napoli che segnalava solo Immobile come debolmente positivo, ma ha svelato anche un ulteriore particolare misterioso. Come scrive La Gazzetta dello Sport, confrontando gli esiti dei 95 tamponi effettuati, le positività sarebbero passate da 7 (secondo Futura Diagnostica) a 25 (secondo l’Ospedale Moscati). Tra le cause di risultati così discordanti potrebbero esserci le modalità di trasporto dal laboratorio all’ospedale dopo il sequestro effettuato dalla Guardia di Finanza, la conservazione dei tamponi oltre le 48 ore; un’altra strada sarebbe quella dei ‘debolmente positivi’ che potrebbero essere stati considerati ‘negativi di fatto’. Come riferisce Città Celeste, la Procura di Avellino sembrerebbe aver convocato per oggi Claudio Lotito per interrogarlo come persona informata dei fatti, come successo al responsabile medico dei biancocelesti Pulcini.

Intanto nei giorni scorsi la Dda (dipartimento che si occupa di criminalità organizzata) di Milano, come riportato da Il Messaggero, ha effettuato controlli presso la sede del Monza per verificare le modalità con cui si stavano effettuando i tamponi rapidi ad alcuni calciatori; perquisito anche lo studio del medico Cristiano Fusi, indagato in concorso con ignoti per esercizio abusivo della professione medica. L’indagine intende fare luce sulla regolarità dell’approvvigionamento dei tamponi e individuare dove vengono processati ai fine di un corretto tracciamento degli eventuali contagiati. Il club brianzolo si è difeso tramite le parole del suo avvocato, De Martino, con una nota ANSA: “L’AC Monza è totalmente estranea alle notizie diffuse dagli organi di stampa circa il coinvolgimento del dottor Fusi in un’indagine per esercizio abusivo della professione. C’è un protocollo della Figc che prevede di effettuare i tamponi e il Monza lo rispetta. Il Monza fa eseguire i tamponi molecolari dal laboratorio San Giorgio. Inoltre, per sicurezza, il Monza, da metà ottobre effettua anche i test rapidi antigenici. E questi test sono tenuti da medici. Si sono tenuti gli accertamenti di Nas e Gdf per verificare il rispetto e la regolarità delle procedure per l’esecuzione dei tamponi anti Covid. È emerso che il Monza è in regola sotto tutti i profili igienico sanitari. Sono state visionati le fatture di pagamento e i nomi dei medici che, a turno, effettuano i tamponi rapidi. L’AC Monza ha fornito tutta la documentazione richiesta e non è coinvolta nelle indagini”.

 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News