Connect with us

News

Lazzaro, eroe del S. Paolo: “Ma Zeman mi tagliò l’anno dopo. Vorrei fare scouting per i granata”

“Da un mesetto siamo a casa, è l’unico modo per preservarci. Dobbiamo solo aspettare”. Anche in Sudamerica, precisamente in Argentina, la situazione è la medesima, come conferma l’ex granata Leandro Lazzaro. Il classe ’78 è intervenuto ieri in diretta sul nostro account Instagram: “Per un calciatore non è facile, non sarà semplice tornare in campo. Dal punto di vista economico si deve tornare in campo, dal punto di vista sanitario ovviamente no. Io penso si debba ricominciare direttamente a settembre, ovviamente ci sono degli interessi in mezzo, tra promozioni, retrocessioni, qualificazioni alle coppe e scudetto”. L’argentino ha poi aperto il cassetto dei ricordi, tornando sull’esperienza salernitana: “Sono stato poco a Salerno, ma la porto nel cuore, mia figlia è nata lì. Mi sono pentito di essere andato via, ho avuto qualche incomprensione con Zeman. Il rapporto col mister all’inizio era buono, mi piacevano i suoi allenamenti. Poi però mi disse che voleva andassi allo Spartak Mosca, io però volevo rimanere, perché per me non c’era più spazio. Non so i motivi della scelta, ma non è dipeso da me, sarei rimasto anche senza giocare. Ho sbagliato a non restare ed è un rimpianto. I tifosi non si sono dimenticati di me e di quel gol al Napoli al 94′. Mi ricordo i festeggiamenti negli spogliatoi del San Paolo. Con i miei compagni avevo un bellissimo rapporto, sento spesso ancora oggi Olivi e Botticella. La squadra era fortissima e meritavamo la promozione, arrivammo sesti. Verso la fine della stagione perdemmo colpi, ma potevamo fare di più, dovevamo fare più punti in casa. Certo il campionato era molto competitivo e difficile, c’erano Napoli, Bari, Palermo, Sampdoria e Genoa”.

Ora Lazzaro guarda ad un futuro, possibilmente ancora nel calcio: “Ho fatto il corso da allenatore e direttore sportivo, mi occupo anche di fare consulenza per i calciatori. Mi sarebbe piaciuto dare una mano alla Salernitana, magari facendo scouting in Sudamerica. Per ora, data la situazione, è un discorso rimadato. Ho provato a dare anche una mano a familiari ed amici qui, con attività diverse dal calcio. Comunque a calcio gioco ancora per divertirmi”. Un commento finale anche sulla Salernitana attuale:Ventura è bravissimo, ha un gran curriculum. È l’uomo giusto per puntare alla Serie A. L’attuale società ha fatto rinascere la Salernitana e l’ha riportata in un campionato importante. Certo, il fatto che Lotito abbia un’altro club in A può essere un problema. Non dimentichiamo però ciò che ha fatto. La Salernitana può salire, ma vanno cambiate le regole”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News