Connect with us

News

Le 17 visite in casa Genoa: ultimo hurrà con Di Vicino, che delusione nel 2006

Sono 17 i precedenti match disputati dalla Salernitana sul campo del Genoa, per un bilancio di 5 pareggi, 9 vittorie genoane e tre exploit granata.

La storia

La primissima volta è datata 27 maggio 1948 in Serie A. Finì 3-1 per il Grifone con doppietta di Brighenti e rete di Formentin; nel mezzo, il gol di Dagianti che accorciò momentaneamente le distanze. Le due compagini si ritrovarono in Serie B nella stagione 1951/52, con i granata che espugnarono il Ferraris grazie al gol di Piero Sotgiu (0-1). L’anno dopo finì a porte inviolate, col Genoa che vinse il campionato e tornò in massima divisione. La sfida si rigiocò in cadetteria nel torneo 1966/67 e la Salernitana perse 2-0 (foto in alto dal volume di Giovanni Vitale “Salernitana, storia di gol, sorrisi e affanni) con autogol di Franco Rosati e rete del povero Giuliano Taccola, deceduto due anni dopo a causa di un malore. L’ippocampo retrocesse nuovamente e ci vollero trent’anni per rivederlo a Marassi.

 

 

Gli anni Novanta

Due sfide nella stagione 1995/96. Il 17 gennaio, nella semifinale italiana dell’ultima edizione del Torneo Anglo-Italiano, i granata pareggiarono 0-0 e poi persero ai calci di rigore 5-4: decisivo l’errore di Roberto Breda, che si fece ipnotizzare da Pastine, mentre per il Genoa segnò il cetarese Torrente. Pochi mesi dopo, il 27 aprile, la partita fu ripetuta nel campionato di B e furono sempre i padroni di casa ad avere la meglio con l’1-0 firmato Marco Nappi. Altra sfida in cadetteria l’anno dopo, con l’unico gol italiano di Stefan Jansen e la risposta locale su rigore di Masolini per l’1-1 finale. Nel 1997/98 la Salernitana “vide” la Serie A pareggiando con lo stesso punteggio (foto in alto) nel weekend di maggio che fece da prologo alla partita dell’aritmetica promozione contro il Venezia; segnarono prima Mohamed Kallon, poi Marco Di Vaio.

Nel 1999/00 pesante sconfitta per il cavalluccio marino, un 3-0 firmato Francioso (doppietta) e Martusciello che decretò l’esonero dell’allenatore, Adriano Cadregari. Nell’annata successiva, alla quinta giornata e con Franco Oddo in panchina, la Salernitana si riscattò andando a vincere 1-2 grazie a Mimmo Cristiano e David Di Michele, che capovolsero il punteggio dopo l’iniziale vantaggio di casa di Mutarelli. Nel campionato 2001/02 arrivò un’altra pesante sconfitta, però, per i granata frattanto passati nelle mani di Zeman: 4-0 con marcatori Carparelli, ancora Francioso due volte e poi Davide Nicola.

L’ultimo successo

Nel torneo seguente altro ko senza appello (3-0, doppio Niculescu e ancora Carparelli) prima del ripescaggio di entrambe le formazioni che si sfidarono ancora a Marassi nel 2003/04, anno dell’ultimo hurrà campano in Liguria: lo firmarono Karl Corneliusson e Giorgio Di Vicino, con in mezzo il penalty trasformato da Paolo Foglio per il momentaneo pareggio. L’anno seguente fu débacle totale con la cinquina rifilata dai genoani Caccia, Milito (doppietta), Zanini e Makinwa alla Salernitana di un già traballante Ammazzalorso. Il Genoa vinse quel campionato, ma la giustizia sportiva lo portò in C, dove si ritrovò anche la società granata con una nuova proprietà, attraverso il Lodo Petrucci. Le due compagini lottarono fin da subito per il ritorno in B: in campionato finì 2-2 il 26 febbraio (autogol di Ignoffo, pareggio ospite di Di Vicino, Genoa avanti ancora con Stellini e poi ripreso da Roberto Magliocco), mentre in semifinale playoff il gol dell’attaccante siciliano fu vano, perché Dante Lopez portò in estasi il Ferraris per il 2-1 finale; il Genoa era passato in vantaggio col solito Stellini.

Genoa-Salernitana di Coppa Italia: Djuric in azione

 

Il precedente stagionale

Da allora, quindici anni di astinenza. La Salernitana è tornata a far visita al Grifone il 14 dicembre scorso in Coppa Italia, perdendo 1-0 con il gol di Ekuban. Di seguito il tabellino di quel match:

TABELLINO   –   GENOA-SALERNITANA 1-0 (C.Italia 2021/22)

GENOA (3-5-2): Semper; Biraschi, Bani, Vasquez; Sabelli, Hernani (89′ Touré), Galdames, Portanova (60′ Melegoni), Cambiaso (45′ Ghiglione); Destro (60′ Kallon), Ekuban. A disp: Andrenacci, Marchetti, Sirigu, Vanheusden, Masiello, Cassata, Criscito, Behrami, Pandev. All: Shevchenko.

SALERNITANA (3-4-1-2): Fiorillo; Delli Carri, Bogdan (83′ Gyombér), Gagliolo; Kechrida, Schiavone (65′ Obi), Di Tacchio, Jaroszynski; Kastanos (75′ L. Coulibaly); Vergani (65′ Simy), Djuric (83′ Gondo). A disp: Belec, Guerrieri, Motoc, Ranieri, Kalombo, L. Coulibaly, Russo, Cannavale. All: Colantuono.

Arbitro: Serra di Torino (Moro/Gualtieri). IV uomo: Maggioni. Var: Di Paolo (Galetto)

Note: Marcatore: 77′ Ekuban; Angoli: 4-3; Ammoniti: Di Tacchio, Vergani, Schiavone (S), Vasquez, Galdames (G); Recupero 3′ pt, 4′ st.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

 






Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News