Connect with us

News

Lega B in assemblea: “Vogliamo restare separati dalla Lega A. Non toccate contributi solidaristici”

La Lega B attende il confronto Spadafora-Speranza per provare a decifrare il futuro, ma nel frattempo, ribadisce la volontà di tenersi separata dalla Lega Serie A dopo la separazione avvenuta al termine della stagione 2009/10 (prima la Lega Calcio unica comprendeva i club di A e B, ndr). Parallelamente, i club cadetti chiedono che non vengano modificati gli accordi sui contributi solidaristici che le squadre promosse in massima serie poi versano alla B nell’anno successivo.

Oggi pomeriggio i venti presidenti delle compagini cadette si sono riuniti in videoconferenza agli “ordini” del numero uno della Lega B, Mauro Balata, che in mattinata aveva partecipato ad un’altra videoconferenza con il ministro dello sport, Spadafora, e gli altri componenti delle rappresentanze calcistiche, a cominciare dal presidente Federale, Gravina (clicca qui per leggere). C’è da attendere il confronto con il ministro della salute, Speranza, per provare a ipotizzare più precisamente delle date quantomeno per l’inizio degli allenamenti. “Il presidente Mauro Balata ha relazionato l’Assemblea relativamente alla riunione organizzata dalla Figc in mattinata con il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora dove sono state avanzate anche le posizioni della Lega B e, da parte del ministro dello Sport, la necessità di un confronto con il Ministro della Salute e il Comitato tecnico scientifico prima di emanare le disposizioni in merito alla possibilità e alle modalità per una ripartenza degli allenamenti”, si legge sulla nota della Lega B che poi ha precisato l’altro importante punto, quello dell’autonomia: “All’unanimità l’Assemblea ha deciso di inviare a Lega Serie A e Federazione una lettera in cui si chiede, in continuità con le richieste già avanzate lo scorso febbraio, il rispetto degli accordi di separazione fra Serie A e B firmati nel 2009 e, inoltre, dei contributi solidaristici delle squadre promosse nella serie maggiore, temi questi fondamentali per la sostenibilità del sistema, soprattutto se posti in relazione ai rapporti fra leghe presenti in altri contesti europei dove si esprimono ben altri e più importanti valori”.

Infine, la solidarietà: “La Lega B ha poi deciso di destinare la donazione, deliberata nelle scorse settimane, alla Protezione civile a favore delle famiglie del personale sanitario morto nella lotta al Coronavirus attraverso un fondo appositamente istituito e firmato nei giorni scorsi con un’ordinanza dal responsabile del dipartimento Angelo Borrelli”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News