Connect with us

News

“Lo squadrone siamo noi”: Max Pezzali e il ricordo di quel Salernitana-Genoa

“Che spettacolo quando giochiamo noi” cantavano gli 883 nell’estate del 1997. In quel momento nasceva la Salernitana che – con Delio Rossi in panchina – avrebbe conquistato la promozione in Serie A trascinata dai vari Di Vaio, Breda, Tosto, Ricchetti, i fratelli Tedesco, Balli, Cudini e tanti altri.

Quella canzone degli 883 è stata iconica per tantissime persone e tantissimi tifosi: un parallelismo tra la vita e il calcio, dove puoi dare il massimo ed essere beffato “in contropiede” avendo però la consapevolezza di essere “lo squadrone”.

Quell’anno però la Salernitana di Delio Rossi si divertiva, faceva divertire e soprattutto vinceva, regalando ai tifosi gioie mai provate prima. Un anno da ricordare contornato dallo spettacolo regalato dalla torcida granata che ogni domenica riempiva l’Arechi e gli altri stadi d’Italia per sostenere l’ippocampo.

Celebri le scenografie realizzate in quegli anni tra cui una ispirata proprio al brano degli 883: una replica della copertina dell’album “La dura legge del gol” e sotto un grande striscione granata: “Lo squadrone siamo noi” realizzata in occasione della partita giocata il 7 dicembre del 1997 con il Genoa, battuto per 2-1 (reti di Di Vaio e Ricchetti, ospiti a segno con l’autorete di Breda).

A ventitré anni di distanza, lo stesso Max Pezzali, leader degli 883, ha condiviso sul suo profilo Instagram un doppio scatto di quella celebre scenografia ringraziando ed omaggiando i tifosi granata i quali sperano di tornare a vivere momenti del genere.

1 Commento

1 Commento

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News