Connect with us

News

Lotito amaro dopo lo 0-0 coi lupi, co-patron negli spogliatoi. C’era anche Guarascio

Finisce con Claudio Lotito che guadagna gli spogliatoi scuro in volto dopo il mancato successo della sua Salernitana, che se avesse battuto il Cosenza avrebbe agguantato il secondo posto in solitaria e invece deve accontentarsi di andare ad agganciare il Monza in un mucchio incredibile, con cinque punti che separano la seconda dall’ottava. Il co-patron granata si è recato nel ventre dell’Arechi dopo la partita, commentando al telefono alcuni aspetti tecnici della partita a lui poco graditi. Pochi minuti e poi di nuovo fuori, con la mascherina a nascondere una delusione comunque evidente: scortato dai numerosi agenti che spesso lo circondano, l’imprenditore romano ha lasciato lo stadio intorno alle 18:10.

Il match di andata andò ben oltre il novantesimo, con il pasticcio dei calabresi che giocarono in dodici uomini per qualche secondo e poi avviarono una battaglia legale chiusa senza successo e con l’omologazione dello 0-1 maturato sul campo. Per il ritorno all’Arechi, le due compagini sono state scortate dagli stati generali. Oltre a Lotito, infatti, c’era anche patron Eugenio Guarascio per il Cosenza. Il co-patron granata è apparso in compagnia di Annamaria Nastri, Responsabile Business e Sviluppo per la Salernitana e per la Lazio. Ben distanziati, Lotito e Guarascio hanno seguito l’andamento del match separati, in file diverse.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News