Connect with us

News

Marchetti: “Salerno avrà futuro importante. Mercato? Non si spende più di quanto è in cassa”

“La Salernitana non è mia, ma sono colui che è chiamato ad una sana gestione. E fino a quando non ci sarà una nuova proprietà lavorerò senza tregua per far raggiungere i migliori risultati alla squadra e valorizzare il titolo della società affidatami. Esclusione a dicembre? Non accadrà, si farà quel che va fatto”. Lo ha detto l’amministratore unico della Salernitana, Ugo Marchetti, in carica da fine giugno, nel corso di un’intervista concessa stamani al quotidiano La Città.

La Salernitana è ancora inserita nel trust e un fondo estero ha iniziato a studiare i conti del club (clicca qui per leggere l’articolo). Per ora, tuttavia, nessuna offerta. “Aspetto l’esito delle trattative. Convinto che il 30 giugno 2022, presente io o meno alla guida del club, potremo brindare per aver raggiunto gli obiettivi che tutti ci auguriamo. Questa società, Salerno e la sua comunità possono vantare un passato e un presente di valore. Avranno un futuro importante. Io vado avanti come un carro armato e non mi faccio fermare da nessuno. Ho vestito la divisa della Guardia di Finanza e certamente so come fare. – ha detto il Generale – Io alter ego di Lotito? Si tratta di un’immagine che mi accompagna da quando sono stato nominato, ma l’unico alter ego di Ugo Marchetti sono io. Vorrei tanto essere presente a Salerno, soffrire allo stadio con i tifosi e vivere la quotidianità con la squadra. Ma ci sono dei validi motivi che non consentono di allontanarmi da Roma. Sono attento ad ascoltare ed operare per il bene della Salernitana”.

Ieri si è chiuso il mercato, non senza difficoltà per l’ippocampo che non ha chiuso come un po’ tutti si aspettavano, con un botto in attacco e un innesto di spessore a centrocampo: “Voglio ribadire che la situazione della Salernitana è assolutamente anomala rispetto a quella delle altre società di calcio, non solo della serie A. Noi non possiamo spendere più di quanto abbiamo in cassa e dobbiamo autofinanziarci perché, a causa della nota situazione della multiproprietà i soci non possono effettuare anticipazioni. Questo significa, ad esempio, che non possiamo tesserare un calciatore e poi pagare il dovuto senza avere al momento le risorse finanziarie in cassa. E questo, certamente, comporta problemi. Abbiamo lavorato per il massimo risultato. Io, che non ho di certo competenze in materia, mi sono affidato ciecamente alle indicazioni del direttore sportivo Fabiani e dell’allenatore Castori. Senza porre limiti perché, tra l’altro, Fabiani è capace ed ha saputo percorrere la strada dettata dalle attuali condizioni societarie della Salernitana”.

 

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News