Connect with us

News

Menichini a R. Alfa: “Rosa granata forte, c’è tutto per una grande stagione”

Ieri sera, nel corso di ‘SalernitanaNews’ in onda sulle frequenze di Radio Alfa, è intervenuto l’ex tecnico della Salernitana, Leonardo Menichini. Nel giorno del suo 67esimo compleanno (auguri!), l’attuale allenatore della Primavera della Lazio ha parlato del momento dei granata, lui che peraltro ha anche un passato a Brescia da vice di Carlo Mazzone.

“La squadra è forte, già lo scorso anno avrebbe potuto centrare i playoff. La campagna acquisti è stata mirata, ci sono giocatori bravi. – ha dichiarato Menichini – Tutino è un valore aggiunto. Andrè Anderson ha qualità e quantità, ha aggiunto anche un po’ di cattiveria, può giocare dappertutto. Belec l’ho avuto a Crotone, con me ha giocato e si vedeva che aveva prospettiva. Sarà sicuramente migliorato. Dziczek ha grandi qualità, gli manca solo la forma giusta e poi sarà determinante. C’è tutto per fare un’annata importante. Nessun traguardo è precluso, siccome il campionato è equilibrato e riserva sempre sorprese. Dipenderà molto dalla continuità di risultati che in B è fondamentale”. Da collega, ‘Menico’ dice la sua anche sull’attuale allenatore Castori: “Il mio giudizio sul suo lavoro è altamente positivo. Parliamo di un allenatore che conosce benissimo la categoria, ha tantissima esperienza e conosce bene i calciatori. La società ha operato bene, scegliendolo”.

Nel maggio del 2019 il trainer di Ponsacco era tornato per la terza volta a guidare l’ippocampo per aiutarlo a mantenere la serie cadetta con i playout vinti col Venezia. Tanti i superstiti di quel doppio confronto: Lopez sta facendo bene, come Djuric, Di Tacchio è un combattente. Micai ha fatto cose buone, poi sono state fatte altre scelte. Sono rimasto legato a questi giocatori, perché hanno permesso con quella salvezza alla città di godere di questa squadra che sta facendo grandi cose”. Nel 2014/15 con lui in panchina la Salernitana ritrovò la cadetteria, grazie anche ai gol (16) del brasiliano Caetano Calil che ieri ha annunciato sui social il suo addio al calcio italiano per tornare in patria: “L’ho sentito recentemente. Calil tornerà in Brasile, ma non lascerà il calcio. Aveva voglia di tornare a casa. È un ragazzo stupendo, posso solo ricordarlo con affetto per quello che ha dato a me e alla Salernitana”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News