Connect with us

News

Meno quattro alla salvezza ma occhio al Foggia: incognite scontro diretto e penalità

Incroci, tanti dei quali pericolosi (CLICCA QUI). Calcoli statistici, medie e proiezioni. Ed una certezza: il traguardo salvezza è vicino, alla portata, raggiungibile ma non ancora raggiunto. Scollinato anche il weekend più grottesco, quello che l’ha vista semplice spettatrice, la Salernitana ora dovrà rituffarsi nel rush finale del torneo. Con una rinnovata mentalità, quella tipica della compagine impelagata capo e collo nella lotta per non retrocedere. Bagarre allo stato attuale ridotta ad appena cinque squadre, volendo considerare Carpi e Padova già praticamente spacciate ed Ascoli, Cremonese e Cosenza in una botte di ferro dopo i risultati di ieri. Da definire una retrocessione diretta, l’altra tramite la lotteria dei playout. Soltanto in tre tra Salernitana, Crotone, Foggia, Venezia e Livorno avranno la certezza di poter partecipare anche alla prossima edizione del torneo cadetto. Nel pokerissimo di squadre in ballo la Salernitana è sicuramente quella che sta meglio, almeno dal punto di vista della classifica. Non dei punti: il Foggia, infatti, ne ha 36 sul campo ed aspetta un ulteriore sconto rispetto ai sei punti di penalità comminati per le ben note vicende societarie. Verdetto che potrebbe rivoluzionare completamente la classifica a praticamente un mese dal termine del campionato (CLICCA QUI).

La compagine rossonera oggi sarebbe l’ultima delle squadre a doversi sudare la salvezza. La proiezione attuale la vedrebbe costretta al playout col Venezia, in svantaggio negli scontri diretti col Livorno. Gli amaranto di Roberto Breda nel conteggio meramente statistico al momento sarebbero la terza retrocessa diretta con Carpi e Padova. La prima squadra salva sarebbe il Crotone con una proiezione di 38,3 punti. Ne consegue che con 39 la Salernitana sarebbe al riparo da brutte sorprese. Con l’incognita scontri diretti: i granata, infatti, il prossimo primo maggio faranno visita ai ragazzi di Grassadonia in uno Zaccheria che si preannuncia infuocato. Uscire con le ossa rotte dalla contesa potrebbe avere conseguenze pesanti, soprattutto se la Salernitana dovesse presentarsi in Puglia bisognosa di punti. Ragion per cui sarà fondamentale chiudere la pratica prima della sfida ai satanelli. La banda Gregucci ha disposizione tre round, di cui due all’Arechi (Cittadella e Carpi) inframezzati dalla trasferta contro la capolista Brescia. Dopodiché bisognerà archiviare, resettare e ripartire praticamente da zero. Come ogni estate. Ma quantomeno con la certezza della permanenza in categoria.

1 Commento

1 Commento

  1. Franco

    08/04/2019 at 19:34

    Meno 4 punti alla salvezza è una pia illusione fuorviante e pericolosa.
    Occorre raggiungere almeno 41 punti per evitare i playout e se restituiscono i punti al Foggia neanche bastano.
    Ne parliamo a fine campionato per la verifica.

    Evitiamo l’autolesionismo e cerchiamo di sostenere la squadra in questo momento difficilissimo!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News