Connect with us

News

Micai non più “saracinesca”: nel girone di ritorno ha rimediato solamente due clean sheet

La Salernitana crolla a La Spezia e viene risucchiata nelle zone calde della classifica. Il rendimento nel girone di ritorno dei granata è davvero disastroso: undici punti in dodici partite, con soli tre hurrà (Palermo, Ascoli e Cremonese) e due pareggi (Padova e Venezia), poi ben sei sconfitte, di cui quattro nelle ultime cinque partite. Una media di 0.91 punti.

Un dato che comprova il periodo difficile del Cavalluccio e anche la facilità con cui nel girone di ritorno gli attaccanti avversari hanno trovato quasi sempre il modo per superare la saracinesca mantovana: solamente Padova e Cremonese sono rimasti a bocca asciutta; in totale la Salernitana ne ha subiti sedici, una media di oltre una rete a partita; contro i dodici segnati nello stesso lasso di tempo. Numeri certamente pericolosi e non in linea con le aspettative di stagione che vedevano la formazione campana lanciata verso i play-off.

Chiaramente le colpe non sono tutte di Alessandro Micai che, anche ieri, è riuscito a mantenere a galla la squadra fino a che ha potuto, sbrogliando sulla conclusione mancina di Galabinov; i problemi della formazione granata sono molto più estesi e interessano anche la testa dei calciatori, non più grintosi come nel girone d’andata dove pur non mostrando un ottimo gioco, riuscivano lo stesso a portare a casa il risultato e ad avere maggiore compattezza difensiva.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement
Advertisement

Altre news in News