Connect with us

News

Milanese a SN: “Situazione attuale non facile. Mi auguro Triestina e Salernitana insieme in B. Salerno merita la Serie A”

Ora responsabile dell’area tecnica della Triestina con la quale attende di giocarsi i playoff di Serie C, dopo il secondo posto conquistato in regular season, Mauro Milanese ha vestito da calciatore anche la maglia della Salernitana. Il roccioso ex centrocampista ha giocato a Salerno nel 2007/08, conquistando una promozione in cadetteria. Ai microfoni di SalernitanaNews ha commentato la situazione che sta vivendo la Salernitana e in generale la cadetteria: “C’è attenzione e preoccupazione, la pressione dei tifosi anche è tanta. La Salernitana certo poteva fare un’annata diversa, dato che è stata per tanto nelle zone alte. Si poteva evitare tutto ciò, ma nel calcio capita. Ci sono gli alti e i bassi”. I giuliani hanno affrontato in amichevole nel fine settimana il Venezia, avversario inizialmente designato per il cavalluccio ai playout: “C’è ansia, le società si giocano praticamente un’intera annata. Una eventuale retrocessione potrebbe anche cambiare le sorti di una squadra. La nostra era un’amichevole che contava poco, i risultati si ottengono sul campo, nelle partite che contano. Nonostante la nostra vittoria, ho visto un buon Venezia, in palla e concentrato”. Sugli imminenti playoff per la sua squadra dice: “I playoff sono una lotteria. C’è il piccolo vantaggio che ne salgono due, non c’è la finalissima. Sicuramente una chance in più che tutte possono sfruttare. Il campo dirà chi è stato più bravo e fortunato”. La Triestina, fondata nel 1918, ha festeggiato da poco il centenario, centenario che a giugno arriverà anche per la Salernitana, al culmine però di una stagione deludente: “I granata avevano assaporato i playoff e la piazza giustamente ci sperava. Il finale di stagione purtroppo è stato negativo. Speriamo di poter festeggiare noi nel migliore dei modi e che i granata comincino la stagione dei cento anni al meglio, cioè in cadetteria”. Sulla Serie B che verrà, con la possibilità di rivedere un campionato di nuovo a 22 squadre, Milanese afferma: “Noi cerchiamo di fare il nostro per coronare un sogno di tutti i tifosi. Per noi sarebbe un’impresa dopo che siamo stati rispescati ad agosto e dopo essere ripartiti prima ancora dai dilettanti”. Nella sua esperienza all’ombra del castello Arechi Milanese ha conosciuto bene Angelo Mariano Fabiani. Il ds sta vivendo una situazione non facile, con la sua conferma in dubbio: “Fabiani ha raggiunto comunque dei risultati positivi in passato, è un buon dirigente. E’ stata un’annata difficile, ora la società dovrà fare le giuste valutazioni”. Infine un commento sulla promessa di Claudio Lotito di portare in massima serie la Salernitana, con però l’ostacolo da non sottovalutare dell’articolo 16 bis delle Noif: “Lotito troverà un modo. Magari cedendo le quote ad un altro presidente. E’ giusto che Salerno ambisca con questo pubblico e questo stadio a grandi palconscenici. Ora però serve la salvezza, questa squadra era stata allestita per la promozione, ripartire da un passo indietro sarebbe un peccato”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Advertisement
Advertisement

Altre news in News