Connect with us

News

Respinta istanza cautelare del Palermo, società pronta a far valere i propri diritti in ogni sede

AGGIORNAMENO ORE 19:03 – Arriva anche il comunicato ufficiale del club rosanero in merito alla decisione del Collegio:L’U.S. Città di Palermo ed i suoi esponenti tutti prendono atto che con provvedimento delle ore 17.52 odierne il Presidente del Collegio di Garanzia dello Sport, Franco Frattini, ha ritenuto di non assumere autonomamente la decisione a lui spettante ai sensi dell’art. 57 (co. 2 lett d) C.G.S. del CONI, nonostante l’estrema urgenza e la gravità dei fatti rappresentati. La Società continuerà tuttavia a rivendicare e difendere i propri diritti in ogni sede, nell’interesse del club e dei suoi valori sportivi, della Città, dei suoi abitanti e di tutti i sostenitori sparsi per il mondo”.

AGGIORNAMENTO ORE 18 – Dal sito ufficiale del Coni si apprende che il Presidente del Collegio di Garanzia dello Sport, Franco Frattini, ha assunto un decreto relativo al ricorso presentato dalla società U.S. Palermo S.p.A. contro la Federazione Italiana Gioco Calcio e la Procura Federale della FIGC e nei confronti del sig. Maurizio Zamparini, del dott. Anastasio Morosi , del dott. Giovanni Giammarva, del Benevento Calcio s.r.l. per la riforma e/o l’annullamento della ordinanza della Corte Federale d’Appello della FIGC – Sezioni Unite, di cui al C.U. n. 102/CFA (2018/2019), adottata il data 16 maggio 2019, comunicata in pari data, che si è pronunciata sulla istanza cautelare urgente formulata dalla società US Città di Palermo S.P.A. nel reclamo dalla stessa introdotto in data 15 maggio 2019, avverso la decisione del Tribunale Federale Nazionale, pubblicato sul C.U. n. 63/TFN del 13 maggio 2019 concernente il deferimento del Procuratore federale n. 12055/816pf18-19/GP/GC/blp del 29 aprile 2019.

Stasera si gioca. Forse. In attesa che il pallone riprenda a rotolare e si parli finalmente di calcio giocato, la battaglia a colpi di carte bollate sembra appena agli inizi. Altra giornata bollente a Roma, non certo per la colonnina di mercurio ancora autunnale. Il Collegio di Garanzia del Coni si ritroverà sul piatto il reclamo del Foggia (CLICCA QUI) ma anche quello d’urgenza dei legali del Palermo che nella notte hanno presentato un ulteriore ricorso per bloccare i playoff che inizieranno stasera con la gara tra Spezia e Cittadella.

Il club rosanero già ieri s’era visto respingere le proprie istanze dalla Corte Federale d’Appello (CLICCA QUI). Decisione che lascia pochi appigli anche per il secondo grado di giudizio cui il Palermo s’è appellato per cercare di ribaltare la sentenza che lo ha visto retrocesso in C. Il pool di legali del club di viale del Fante, formato da Francesco Pantaleone, Antonino Gattuso, Francesca Trinchera, Gaetano Terracchio e Francesco Di Ciommo, ha presentato ricorso cautelare al collegio di garanzia del Coni chiedendo di sospendere i playoff che scatteranno già questa sera alle 21. Giornata campale per i giudici della Cassazione calcistica, interpellati anche da Gravina sulla legittimità dell’annullamento dei playout. Non è escluso che la decisione su quest’ultimo punto possa arrivare anche prima del 23, deadline fissata dal presidente federale.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Advertisement
Advertisement

Altre news in News