Connect with us

News

Pasquetta in campo non è una novità: 11 precedenti, nel ’75 proprio contro il Frosinone

Oggi è più frutto del calendario spezzatino e quindi del business dei diritti tv, ma non è una novità che la Salernitana si ritrovi a scendere in campo il giorno di pasquetta. Non saranno solo i granata a farlo, bensì tutta la Serie B. Col Frosinone sarà importantissimo vincere per la classifica e… per spostare la bilancia. Negli 11 precedenti di partite disputate il Lunedì dell’Angelo, infatti, il bilancio dei precedenti dell’ippocampo è equilibrato: 4 vittorie, 4 sconfitte e 3 pareggi.

La prima partita a pasquetta fu giocata addirittura nel 1933: era il 17 aprile e la Salernitana, all’epoca ancora in biancoceleste, pareggiò 1-1 a Taranto (Castellano in gol per i padroni di casa, Cucciolini per i campani). Cinque anni più tardi, nuovo match post-pasquale: il 18 aprile 1938 fu vittoria nella capitale sul campo della Mater Roma (0-3 (marcatori Bonazzi e doppio Corsanini). Da lì al 2 aprile 1945, altra pasquetta in campo nel campionato regionale dell’immediato dopoguerra: derby Casertana-Salernitana sospeso sul 2-5 per gli ospiti a causa di incidenti scoppiati a dieci minuti dalla fine; in quell’occasione fu dato lo 0-2 a tavolino. Diciannove anni più tardi, il 30 marzo 1964, granata ancora in campo nel lunedì in Albis sul campo neutro di Foggia (il Vestuti era squalificato) e sconfitti 0-2 dal Chieti. L’anno seguente fu parità (1-1) sul terreno di gioco della Tevere Roma con gol di Scichilone per i capitolini e Rambotti per la Salernitana, che il 7 marzo 1967 giocò a pasquetta per la prima volta in B (pari a reti bianche al Vestuti contro il Novara). E ancora, due sconfitte per 1-0 a Brindisi nel 1971 e a Siracusa nel 1974, prima dell’episodio del 1975 curiosamente proprio contro il Frosinone, che domani scenderà in campo all’Arechi: il 31 marzo di 46 anni fa il cavalluccio vinse 1-0 con un gol di Chinellato. Fu anche l’ultima partita disputata dai granata a pasquetta prima della reintroduzione della circostanza, avvenuta nel nel 2017, quando la squadra all’epoca guidata da Bollini si impose all’Arechi contro il Latina 2-1: reti di Rosina e Sprocati a rimontare il vantaggio di Giorgi. Non è andata altrettanto bene nel 2019: allora la Salernitana fece una gita amara fuori porta al Rigamonti di Brescia, da cui si ritirò sconfitta con un sonoro 3-0, in cui andò a segno anche l’ex Donnarumma. Non fosse stato per il Covid-19 e il conseguente lockdown, nel lunedì in Albis dell’anno scorso ci sarebbe stato addirittura un derby all’Arechi, dove avrebbe dovuto presentarsi la Juve Stabia per la gara che venne recuperata (e vinta) poi a luglio.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News