Connect with us

Giovanili

Primavera, la spunta il Frosinone: 3-2 nel finale. Procopio: “Dispiace perdere per un gol fantasma”

TABELLINO Frosinone-Salernitana 3-2 (Primavera 2)

FROSINONE (4-3-1-2): Palmisani; Rosati (38’ st Caravillani), Bevilacqua, Bracaglia, Benacquista; Cangianiello, Bruno (1’ st Peres), Tony Moise (1’ st Di Palma); Favale (35’ st Selvini); Stampete, Jirillo (1’ st Pittaccio). A disp. Vilardi, Potenziani, Pahic, Milazzo, Barzanti. All. Gorgone.

SALERNITANA (4-2-3-1): Petriccione; Garofalo, Motoc, Perrone, Cipriani (27’ st De Lorenzo); Russo, Sabatino (22′ st Visconti); Lanari (15’ st Saponara), Bammacaro, Palmieri; Cannavale (22’ st Milano). A disp. Di Stanio, Giardinetti, Guerra, Siena, Iuliano, Grasso. All. Procopio.

Arbitro: Sig. Di Cicco di Lanciano (Carpi/Brunozzi).

Marcatori: 35’ pt e 17’ st Stampete (F), 9’ st Russo; 34’ st Perrone (S), 40’ st Bevilacqua (F). Ammoniti: Bruno (F), Bevilacqua (F), Bammacaro (S), Perrone (S), Petriccione (S), Garofalo (S), De Lorenzo (S).  Espulsi: Procopio (All.) (S). Angoli: 8-1. Recupero: 0′ pt – 4′ st.

La Salernitana Primavera vende cara la pelle in casa dei pari età del Frosinone, ma è costretta ad arrendersi nel finale dopo aver rimontato due volte i ciociari: la gara finisce 3-2.

I padroni di casa sbloccano la partita al 35′, con la stoccata di Stampete servito da Favale dopo una bella azione sviluppata sulla destra, e vanno quindi all’intervallo in vantaggio. A inizio ripresa però i granatini sono subito aggressivi e all’8′ trovano il pareggio grazie alla bella punizione di Russo. Anche il Frosinone si fa valere su palla inattiva e al 17′ torna in vantaggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo, è ancora una volta di Stampete la zampata decisiva. La Salernitana ribatte colpo su colpo e al 34′ arriva il 2-2 firmato da Perrone che svetta su tutti da calcio d’angolo e insacca. La sfida viene risolta al 40′, da Bevilacqua, arrivato dalla prima squadra, che si coordina perfettamente per colpire al volo dal limite, il pallone sbatte sotto la traversa e secondo l’assistente dell’arbitro rimbalza oltre la linea della porta, per cui il direttore di gara convalida il gol. Mister Procopio va su tutte le furie e viene allontanato dal campo, sequenza di proteste e conseguenti cartellini gialli anche per vari granatini, che alla fine devono cedere. Il risultato finale è 3-2 per il Frosinone, che non perde terreno da Lazio e Cesena in cima alla classifica, mentre la Salernitana rimane terzultima con 9 punti.

È molto dispiaciuto per l’ennesimo rientro a bocca immeritatamente asciutta l’allenatore della Salernitana, Gianluca Procopio: “Provo rammarico perché già il pareggio ci stava stretto, in casa della terza in classifica – ha dichiarato il mister dei granatini al termine della gara – Abbiamo reagito colpo su colpo, giocando alla grande e alla fine la gara è stata decisa da un gol fantasma. La palla secondo me non era entrata, anzi sembrava mezzo metro fuori. Posso solo fare i complimenti alla squadra per la prestazione contro un avversario che in casa non aveva mai subito tanto e che è ben più in alto di noi in classifica. Bisogna essere consapevoli che quando si gioca con la giusta determinazione è questo quello che siamo in grado di fare. Ci sono 11 punti di differenza tra noi e loro adesso, ma in campo non si sono visti“.

Adesso mancano solo due giornate alla fine del girone di andata e si può già tracciare un quadro delle squadre. I baby granata raramente hanno sofferto nelle gare disputate finora, ma hanno finito per raccogliere solo tre vittorie. Quello che è mancato alla squadra per sorridere un po’ di più è stato ottenere almeno dei pareggi nelle partite più combattute: “L’anno scorso abbiamo fatto 10 punti in tutto il campionato, quest’anno già siamo a 9. Ma non guardo la classifica, guardo alla crescita. Avremmo meritato di pareggiare qualche partita in più ma sono soddisfatto dei miglioramenti che ho visto nella squadra. A parte qualche ingenuità che ci ha condizionato, ho visto una crescita costante e anche oggi i ragazzi hanno dato tutto. Qualcuno piangeva a fine partita e questo significa quanto i ragazzi abbiano speso in campo. Ecco, semmai mi dispiace per il morale dei ragazzi, che poteva essere migliore con qualche punto in più portato a casa“.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Giovanili