Connect with us

Giovanili

Primavera, granatini battuti 2-0 a Livorno. Rizzolo: “Paghiamo situazioni paradossali”

Campionato Primavera Tim 2, Girone B – 13ª Giornata

Livorno – Salernitana 2-0

TABELLINO

LIVORNO: Neri, Cesaretti, Fremura, Petri, Deverlan, Coppola, Pecchia (40’ st Stringara), Bellandi, Trotta (35’ st Cremonini), Haoudi, Irace (26’ st Nunziatini). A disp. Morandi, Lattanza, Salvadori, Guglielmi, Zefi, Campo, Piccione, De Queiroz. All. Cannarsa.

SALERNITANA: De Matteis, Milani, Gambardella, Vignes (1’ st Raiola), Di Micco, Galeotafiore, Fois (35’ st Guadagnoli), Volpe, Guida, Pezzo (35’ st Manzo), Arena. A disp. Barbato, Guzzo, Darini, Fucci, Ramazzotti. All. Rizzolo.

Arbitro: Sig. Di Marco di Ciampino (Catallo/Tchato).

Marcatori: Petri (L) al 36’ pt e Trotta (L) al 38’ pt. Ammoniti: Petri (L), Deverlan (L), Gambardella (S), Guida (S).

Il 2020 della Salernitana Primavera inizia con una sconfitta per 2-0 in casa dei pari età del Livorno, guidati dall’ex granata Juryi Cannarsa.

La prima occasione del match è per i granatini, ma Milani, ex della gara, vede deviarsi oltre la traversa un bel tiro effettuato sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Alla mezz’ora si fanno invece pericolosi i padroni di casa che devono fare i conti con la buona difesa di Milani prima e con gli ottimi riflessi di De Matteis poi. Poco dopo però, al 36’, i labronici sbloccano la gara col colpo di testa di Petri. Altri due minuti e il Livorno fa 2-0, con un altro colpo di testa, stavolta del centravanti Trotta che raccoglie un perfetto cross dall’ala sinistra.

Nella ripresa entrambe le squadre perdono ritmo. La Salernitana prova a ristabilirlo con qualche cambio, ma non riesce a dare vivacità al proprio possesso palla che alla fine risulta sterile, anche grazie all’attenta organizzazione difensiva amaranto. Dunque la gara termina 2-0 per il Livorno.

Mister Rizzolo commenta l’esordio dei suoi granatini nel nuovo anno: “Non è stato dei migliori, le riprese sono sempre difficili,ma il problema è stato come abbiamo perso questa partita. Siamo stati in controllo dall’inizio, sfiorando il gol, ma paghiamo situazioni paradossali. In un minuto abbiamo preso due gol, uno su palla inattiva e uno su ripartenza, ci hanno tagliato le gambe. Comunque in campo non c’è stata differenza contro una squadra terza, questo ci è valso i complimenti di chi ha visto la partita. Perdere così vuol dire che c’è qualcosa a cui fare più attenzione, ma è difficile commentare il fatto di raccogliere così poco dopo questo genere di prestazioni”.

La partita è stata anche complicata dalle condizioni del campo, ma è lo stesso allenatore ad ammettere che gli alibi possono trasformarsi in aggravanti: “Nel secondo tempo la qualità è un po’ scesa insieme alle energie, anche per via del campo difficile e pesante. Dopo aver fatto la partita prendere due gol a fine primo tempo è stato duro. È stato anche difficile commentare all’intervallo con i ragazzi. C’era un po’ di nervosismo per il fatto di trovarsi sotto immeritatamente. Quindi ho detto solo di continuare a fare quello che stavamo facendo, senza stupidaggini come falli di frustrazione che ci avrebbero fatto anche rischiare di finire la gara in inferiorità numerica. Andiamo avanti perché è inutile rimuginarci più di tanto, i ragazzi hanno fatto bene, ma dobbiamo imparare a stare sul pezzo per 95’. Sicuramente noi siamo in credito con la fortuna, ma questo deve diventare un’aggravante più che un alibi dato che succede spesso. Il Livorno, come aveva fatto anche il Crotone, altra squadra di alta classifica, si è chiuso in difesa. Le altre squadre studiano e sanno che la nostra classifica non è veritiera e che noi proponiamo gioco, quindi fanno la loro partita attendendoci. Ma loro hanno la cattiveria giusta per segnare nelle occasioni giuste e portare a casa risultati. Oggi siamo stati anche bravi dal punto di vista fisico e poi mentalmente a capire che partita sarebbe stata date le condizioni del campo. Sono contento di questo perché comunque ti diverti, però stiamo lasciando tanti punti ed è un rammarico. Bisogna lavorare su quei dettagli che fanno la differenza”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *





Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in Giovanili