Connect with us

News

Roma tabù per Castori. E quella volta che batté Mourinho…

Accadde il 10 ottobre 2009. Sarà pure stata un’amichevole giocata contro una squadra rimaneggiata e imbottita di giovani, però sulla carta Fabrizio Castori ha sconfitto Mourinho nell’unico precedente tra i due. E lo ha fatto nell’anno del triplete dell’Inter, guidando il piccolo Piacenza. Un precedente curioso, ma che lascia ovviamente il tempo che trova. Domani i punti conteranno eccome e, soprattutto, la Roma dello “special one” potrà schierare bocche di fuoco non indifferenti.

Moscardelli-gol

In un test giocato allo stadio Garilli durante la sosta per le Nazionali e nerazzurri orfani di numerosissimi titolari, il trainer marchigiano schierò la miglior formazione e vinse 2-1 in rimonta, dopo essere passato in svantaggio (rigore di Amantino Mancini), grazie ai gol di Moscardelli e Guerra. Come detto, l’Inter del portoghese aveva pochissimi titolari a disposizione: Toldo divise i pali con il terzo portiere Orlandoni, poi solo Vieira, il già citato Mancini, Quaresma e quell’Arnautovic che proprio la scorsa settimana ha punito i granata. Il resto, tutti ragazzotti anche di belle speranze, molti dei quali oggi si disimpegnano tra Serie A e B come Biraghi, Tremolada, Donati (oggi al Monza), Rigione, Crisetig e Destro, tanto che in panchina con Mou c ‘era anche Fulvio Pea, allora tecnico della Primavera.

Castori e la Roma

Un solo precedente tra l’attuale allenatore della Salernitana come padrone di casa contro i giallorossi, datato 12 febbraio 2016. Allo stadio Braglia di Modena, in Serie A, il suo Carpi cadde col punteggio di 1-3: Roma avanti con Digne, poi pareggio locale di Lasagna e uno-due finale a sei minuti dalla fine con Dzeko e Salah per gli ospiti. Il sempre fedele, rispetto a quella partita, è Vid Belec che difendeva i pali biancorossi. Nella Roma, invece, l’unico superstite è El Shaarawy. Peggio ancora Castori aveva fatto in occasione della partita d’andata, alla sesta giornata: all’Olimpico i suoi uomini persero con un pesante 5-1 che costò l’esonero al mister, sostituito da Sannino e poi richiamato dopo cinque turni.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News