Connect with us

News

Salernitana controllata da fondo estero: ci lavora lo studio Chiomenti

Trenta giorni alla deadline dell’iscrizione, tre in meno per ultimare e ratificare l’alienazione delle quote societarie da parte degli attuali detentori. La Salernitana passerà sotto il controllo di un fondo estero nel mese di giugno, con l’ipotesi che Marco Mezzaroma possa restare con una quota minoritaria ancora sul tavolo. È questa la pista che in questo momento sta percorrendo la proprietà per rispettare le regole imposte dalle Noif e garantire la regolare partecipazione del club alla Serie A 2021/22.

Secondo il quotidiano Il Mattino oggi in edicola, il fondo potrebbe ospitare investimenti arabi e inglesi ed avrebbe sede ovviamente al di fuori dei confini nazionali. Lotito e Mezzaroma, per avere una consulenza sull’operazione, si sarebbero affidati all’importante studio legale Chiomenti (sedi italiane a Roma e Milano, altre sei all’estero tra New York, Londra, Bruxelles, Pechino, Shanghai e Hong Kong), specializzato proprio nelle materie interessate. “L’offerta di servizi di consulenza è organizzata per dipartimenti e practices professionali, che comprendono il dipartimento Corporate M&A, il dipartimento Banking & Finance, il dipartimento Fiscale, il dipartimento Regolamentare, il dipartimento Antitrust, il dipartimento Litigation, il dipartimento Diritto del lavoro, la business unit Private Equity, la business unit Restructuring, la business unit White Collar Crime e la business unit Wealth Management”, si legge sul sito dello studio stesso.

Un fondo è sostanzialmente una raccolta di capitali – che, se la regolamentazione dello Stato di appartenenza lo consente, può essere anche anonima – da parte di investitori, rappresentati da un gestore, che ovviamente è solo colui che presiede all’investimento di tali risorse, ma non diventa personalmente proprietario del bene in cui investe. In Italia il caso scuola è rappresentato dal Milan. Non sono mancate, a novembre scorso, le ombre in tal senso dopo un servizio di Report, trasmissione Rai che avanzò alcuni dubbi sull’effettiva proprietà della squadra rossonera, inscatolata in una serie di società straniere (Stati Uniti, Lussemburgo). Il fondo americano Elliot però chiarì: “Il 96% del Milan è nostro”.

Anche la Salernitana potrebbe seguire una strada molto simile. Non è ancora chiaro se lo farà per la totalità del pacchetto azionario o soltanto per una porzione. Detto di Claudio Lotito che non vuole svendere (chiede 80 milioni per l’intera proprietà della società granata), lo stesso discorso vale per il socio-cognato Mezzaroma, interessato a restare socio minore, senza controllo né influenza dominante. Niente regali, niente “espropri proletari”. Se cessione deve essere, il prezzo dovrà farlo il venditore e non il compratore: questo il succo di ciò che pensano i due imprenditori capitolini. La prossima settimana si terrà un importante incontro che potrebbe tracciare in via definitiva la strada, rallentata nelle ultime ore dalla faccenda Simone Inzaghi-Lazio che, oltre ad averlo spiazzato, ha fatto anche perdere del tempo a Claudio Lotito, che ora dovrà tuffarsi pure sul mercato degli allenatori per trovare una nuova guida per i biancocelesti. Altro step sarà dialogare – sotto traccia – anche con la stessa Figc: non è da escludere che i rappresentanti legali di Lotito e Mezzaroma, una volta trovata la formula per “rispettare le regole per chi le sa leggere”, vadano a consultarsi “offline” con gli omologhi di via Allegri per avere conferma della bontà delle operazioni e blindare la propria posizione in vista del futuro, in modo da procedere ufficialmente al trasferimento senza il timore di “sorprese” o contestazioni da parte della stessa Figc. Che è chiamata, sì, a vigilare, ma non può permettersi, allo stesso tempo, che una squadra di Serie A salti in modo rocambolesco, con i prevedibili polveroni (E contenziosi?) che si solleverebbero in un nulla. Secondo Il Mattino non è da escludere un interesse nella questione societaria campana anche da parte dell’imprenditore Andrea Radrizzani, proprietario della piattaforma tv Eleven Sports e del Leeds United in Inghilterra. “Non conosco Mezzaroma, ma mi piacerebbe incontrarlo. Conosco la situazione della Salernitana, ma per ora non ne so niente e sono concentrato sul Leeds, anche se è vero che non ho mai escluso un possibile interesse verso il calcio italiano”, dice. Si vedrà.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News