Connect with us

News

Salernitana, così l’asticella non si alza! Fuori casa ancora difficoltà, hurrà manca da 9 mesi

Diventa impossibile alzare l’asticella se nel momento in cui bisogna fare peso vengono a mancare le energie. Cittadella era un esame di maturità per la Salernitana e la prova non è stata superata, anzi. I granata sono stati bocciati, c’era l’opportunità di fare un balzo avanti in classifica e invece la giornata ha detto che la squadra di Colantuono è ai margini degli spareggi: un altro passo falso e la Salernitana è fuori. 21 giorni di attesa trasformati in 90 minuti di sofferenza. Ma anche consapevolezza: per poter sognare playoff e Serie A bisogna fare molto di più. A cominciare dai punti fuori casa.

La sconfitta del Tombolato è la terza stagionale per i granata, dopo i ko di Benevento e Venezia: tutte arrivate fuori casa. Sono sei le partite giocate dai granata lontano dallo Stadio Arechi e il bilancio è da brividi: 3 pareggi contro Lecce, Cremonese e Crotone, nessuna vittoria. Andamento da zona retrocessione, peggio ha fatto solo il Livorno con 2 punti. La Salernitana fuori casa ha segnato solo quattro reti, due a Lecce a firma Bocalon-Castiglia una a Crotone sempre offerta dal Doge e l’illusorio pareggio di Rosina sabato: peggio solo Cittadella (che però nonostante i 3 gol fatti lontano dal Tombolato ha ottenuto 9 punti) e Crotone. Numeri che inquadrano perfettamente la fragilità di una squadra che quando gioca a Via Allende si sente protetta e imbattibile, ma quando è costretta a viaggiare palesa tutti i limiti che le impediscono di essere, almeno fino a gennaio, in lotta per la promozione diretta.

L’ultima vittoria fuori casa la Salernitana l’ha ottenuta addirittura lo scorso 3 marzo, esattamente nove mesi fa. Era la scorsa stagione, calcisticamente parlando la preistoria. Per poter vincere in B serve continuità, la continuità arriva non solo vincendo in casa ma trovando anche gli exploit nei giorni di trasferta. Equazione semplice ma che la Salernitana ancora non è riuscita a fare sua. Lunedì si torna in campo, all’Arechi arriva il Brescia oggi avanti di un punto. Colantuono confida nella metamorfosi, in casa nessuno ha fatto meglio dei granata. Ma se la partita casalinga serve a correggere l’errore commesso sette giorni prima in trasferta, diventa molto difficile poter competere e ambire ai piani alti. Così non si può alzare l’asticella.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News