Connect with us

News

Valzer delle punte, primi effetti: rilancio per tre, Diaw ancora a secco a Monza

Prestiti, scambi, parametri zero e qualche spesa folle. Nonostante la non semplice situazione economica il mercato di gennaio, in serie B, ha regalato comunque qualche colpo, soprattutto per quanto riguarda il famigerato ‘valzer delle punte’. Tanti attaccanti hanno cambiato maglia. C’è chi è passato da una cadetta all’altra, chi è sceso di categoria e chi è stato ‘promosso’.

Finora pochissime squadre stanno beneficiando dei gol dei bomber scelti a gennaio per raggiungere i propri obiettivi. Tra queste c’è il prossimo avversario granata. Con l’arrivo di Sottil e quello di Dionisi, l’Ascoli ha decisamente rivisto le proprie chance salvezza. L’ex attaccante della Salernitana, giunto da Frosinone (dove era un separato in casa), ha siglato finora tre gol in quattro partite. La punta di Rieti ha regalato sei punti ai bianconeri, segnando contro il Lecce e contro la sua ex squadra, il Frosinone (con un rigore all’ultimo respiro). Proprio il club del presidente Stirpe ha rivoluzionato il reparto offensivo nel mercato di gennaio. Via Dionisi e Ardemagni, dentro Iemmello e il giovane Millico. L’ex Foggia, reduce da tre mesi deludenti in prestito agli spagnoli del Las Palmas e rientrato al Benevento, ha deciso di rilanciarsi in giallazzurro. Finora l’impatto è stato niente male: 2 gol in 3 partite, l’ultimo è servito ad espugnare domenica il Comunale di Chiavari. Positivo l’impatto finora di un altro ex granata, Adriano Montalto. La Reggina lo ha prelevato dal Bari (serie C) e la punta siciliana è tornata a giocare in B siglando due gol, scendendo in campo in quattro occasioni. Ossigeno puro per Baroni nella corsa salvezza, visto l’addio del deludente Lafferty e l’intermittenza di Ménez e Denis.

Dopo sei anni divisi tra Ungheria (Honvéd e Ferencvàros) e Turchia (Adana Demirspor) Davide Lanzafame è tornato in Italia per vestire la casacca del Vicenza. L’ex Juventus ha messo a referto un gol in due presenze, inutile ai fini del risultato nel ko casalingo col Monza, e sembra aver dato brio all’attacco biancorosso. Positivo il suo impatto nel 15′ giocati sabato scorso all’Arechi. La Reggiana è il decimo club cadetto con cui è andato in gol in B. Con il rigore procurato e trasformato contro l’Ascoli Matteo Ardemagni ha regalato tre punti preziosi agli emiliani (che sfideranno la Salernitana venerdì 26 febbraio). Ora Alvini ha finalmente un attaccante navigato per la categoria, forse quello che finora gli è mancato. Dopo Crotone, Cosenza. Marcello Trotta ha scelto di nuovo la Calabria per il suo ritorno in Italia, dopo appena 7 presenze e 1 gol con i portoghesi del Famalicao. L’ex Avellino, il cui cartellino è di proprietà del Frosinone, è andato in gol domenica nel derby con la Reggina. Proverà, insieme ad un’altro bomber di categoria come Jerry Mbakogu, a trascinare i rossoblu alla salvezza. Una rete finora per Giacomo Beretta, di rientro in B, a Cittadella, nell’ambito dello scambio con Cissé tra i veneti e il Padova. La punta scuola Milan ha segnato sabato contro il Pordenone e sembra essersi messo alle spalle i problemi fisici.

C’è chi ha fatto bene sì, ma anche chi, per ora, ha deluso. Ha fatto rumore, nella sessione invernale, il cambio di maglia di Davide Diaw. Il Monza ha sborsato 3,5 milioni per strapparlo al Pordenone, beffando Torino e Spal. Il centravanti però, dopo i dieci gol in diciotto presenze con i ramarri, finora non ha ancora gonfiato la rete con i brianzoli (in quattro apparizioni). In Brianza ha ritrovato i vecchi amici Berlusconi, Galliani e Boateng, ma finora Mario Balotelli non ne ha beneficiato. Un gol (contro la Salernitana lo scorso 30 dicembre nell’unico match giocato da titolare) in tre presenze e un evidente ritardo di condizione non giustificano finora l’investimento per l’ex City che ha firmato un contratto fino a fine stagione. Nell’ultima sessione il Venezia ha puntato sul giovanissimo (classe ’02) Sebastiano Esposito. Operazione in prestito dall’Inter, dopo che il ragazzo ha trascorso i primi sei mesi alla Spal, senza essere un titolare fisso. Titolarità che sta faticando a trovare anche in laguna, vista la concorrenza di Forte e dell’ex granata Bocalon. Niccolò Giannetti ha lasciato Salerno a gennaio, nell’ambito dello scambio con Jaroszynski, sperando di rilanciarsi a Pescara. L’ex Cagliari, pronti via, è stato frenato da un infortunio agli adduttori, ma potrebbe tornare contro il Frosinone: non ha ancora esordito col Delfino.

Il Pordenone, perso Diaw, non è finora riuscito a trovare un ricambio adeguato. Morra (arrivato dall’Entella) ha segnato una sola rete finora e Finotto è ancora out per un infortunio importante al ginocchio. La Virtus Entella, perso proprio Morra, ha accolto Capello dal Venezia. L’ex Padova però è fermo a zero reti dopo cinque presenze. È rientrato tra i convocati lo scorso 6 febbraio contro il Cosenza, Marco Tumminello si è accasato alla Spal, ma deve ritrovarsi anche lui dopo un grave infortunio. Curiosità infine per due scommesse esotiche: il turco Guven Yalcin (Lecce) e il norvegese Julian Kristoffersen (Salernitana) hanno finora giocato solo spiccioli finali nell’ultimo turno di campionato.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News