Connect with us

News

Venezia, Zanetti infuriato: “Di Bello peggiore in campo. Gialli inventati e gara condizionata”

Al termine della partita tra Venezia e Salernitana, vinta dai granata col punteggio di 2-1, c’è tanta amarezza in casa arancioneroverde per una gara persa all’ultimo respiro. In tecnico dei lagunari, Paolo Zanetti, non ha dubbi nell’individuare nella giacchetta nera Di Bello il responsabile del ko della sua squadra: “La gara era in gestione, siamo andati in vantaggio con un gol bellissimo ma non avevamo dato segnali di sofferenza. Certo ci aspettavamo che la Salernitana avesse un ritorno di foga, abbiamo preso un golletto abbastanza stupido, quando la palla arrivava a Ribéry oggi la faceva sparire e finché siamo stati bravi a non fargliela arrivare, riuscivamo a contenere gli attacchi. Ma oggi il peggiore in campo è stato l’arbitro e ha condizionato la gara. Noi di certo potevamo fare qualcosa di meglio”.

Zanetti non ha dubbi: “Mi riferisco al rosso di Ampadu. L’arbitro lo ha anche rivisto al VAR, noi in panchina abbiamo tremila telefonini e avevamo capito subito che  non era nemmeno fallo. In questo modo si condizionano le partite, noi facciamo sacrifici e lavoriamo tutta la settimana. Siamo scarsi, faremo fatica a rimanere in Serie A, ma vogliamo retrocedere con le nostre forze, non per demeriti altrui”.

L’amarezza è tanta, perché Zanetti era convinto di aver strappato il pari: “La sconfitta è pesante ma deve essere da stimolo; il pareggio ci poteva anche stare, mancavano 25’ da giocare in inferiorità numerica. Ripeto con prima ammonizione regalata e poi espulsione da azione che non era fallo; questi sono dettagli che influiscono. Il campionato è ancora lungo, abbiamo fatto un assist ad una diretta concorrente; noi non abbiamo sfruttato questa occasione per colpa nostra ma anche per colpe non nostra. Ci metto la faccia sono il tecnico più giovane della Serie A, mi assumo le responsabilità di ciò che dico. Non so cosa l’arbitro e il Var abbiano visto. rosichiamo per queste cose, altrimenti significherebbe non crederci, alla prossima avremo un altro scontro importante a Genova”.

Sull’avversario: “Mi aspettavo questa Salernitana dal punto di vista tattico e temperamentale; veniva da una partita da cui riscattarsi, sapevamo che avrebbe fatto una gara gagliarda. Sono due squadre che si equivalgono sotto l’aspetto tecnico, ci giochiamo il nostro mini campionato, la gara è stata equilibrata come ci si aspettava che fosse, sarebbe stata meglio non condizionarla con decisioni sbagliate perché era una bellissima partita. Questi scontri diretti contano, ma è normale che conta anche la vittoria che fai contro la Fiorentina che avevamo ottenuto prima. Bisogna fare qualche punto contro una squadra importante, bisogna fare 35-36 punti per mantenere la categoria, insomma da qualche parte dobbiamo tirarli fuori”.
Zanetti è stato espulso dall’arbitro Di Bello: “Probabilmente sarò squalificato, mi ha detto ritieniti espulso ma avevo chiesto solo spiegazioni. Sono uno che ci mette sempre la faccia, questa cosa dimostra che c’è qualcosa che non va. Siamo in A e non è possibile condizionare le partite, specie quando vai a rivedere un episodio al Var: il fallo non c’è, se l’hanno richiamato c’è stato un dubbio e lui ha proseguito con la sua decisione. Ci lecchiamo le ferite, Non voglio trovare alibi, ma la gara è stata condizionata da un episodio”.

Dì la tua!

Pubblicando il commento, dichiario di aver letto accuratamente il regolamento e di accettarlo per intero, assumendomi la piena responsabilità di ciò che scrivo. Presto il mio consenso al trattamento dei dati personali, ai sensi del d.lgs. N. 196/2003. La mia identificazione, in caso di violazione delle regole e di eventuali responsabilità civili e penali, avverrà tramite indirizzo IP e non tramite nick o indirizzo email sottoscritto.

La tua opinione conta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







Advertisement

Seguici su Facebook

Advertisement

Altre news in News